sabato , 4 luglio 2020
Home » Terza pagina » Turismo » L’Aeroporto d’Abruzzo operativo per l’emergenza, in azione termo scanner di ultima generazione

L’Aeroporto d’Abruzzo operativo per l’emergenza, in azione termo scanner di ultima generazione

Lo scalo abruzzese, tra gli Aeroporti indicati
dal Ministero delle Infrastrutture
per garantire i servizi essenziali.
 

 

Pescara – C’è anche l’Aeroporto d’Abruzzo tra gli scali nazionali individuati dal Ministero delle Infrastrutture, che dovranno garantire esclusivamente l’operatività dei servizi essenziali sul territorio. Il decreto, a firma del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli prevede, infatti, la razionalizzazione del servizio di trasporto aereo “in considerazione della ridotta mobilità sul territorio nazionale e per contenere l’emergenza sanitaria da coronavirus”.

“Di fronte a questa emergenza –  spiega il Presidente della Saga Enrico Paolini – tutto il personale dello scalo, con la massima prudenza, si è messo a disposizione secondo quanto previsto nel Decreto ministeriale, per garantire nel migliore dei modi funzioni sanitarie, servizi essenziali, voli di emergenza, militari e privati. Ringrazio – prosegue Paolini – tutto il personale Saga che a turno dovrà essere operativo in Aeroporto ed anche chi sta lavorando già da casa secondo le modalità previste dallo smart Working”.
Intanto, nelle ultime ore sono arrivati all’Aeroporto d’Abruzzo i termo scanner, macchinari di ultima generazione, che si vanno ad aggiungere ai controlli già operativi dallo scorso 6 febbraio, per il monitoraggio dei passeggeri in viaggio.

“Già da oggi – conclude Paolini – stiamo utilizzando i termo scanner appena installati, per controllare la temperatura dei passeggeri degli ultimi due voli in arrivo ed in partenza da Londra, in programma prima della sospensione dei voli di linea, prevista  fino ai primi di aprile”.

Guarda anche

Spiagge a Pescara: Blasioli  “il Comune abbandona quelle libere, prive di cartelli con le indicazioni anti contagio”

Pescara  – “Niente cartelli, né gestione, né mappatura, più di un’ordinanza regionale chiede ai Comuni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque − 4 =