mercoledì , 2 Dicembre 2020
Claudio Ferrante

Coronavirus –l’associazione Carrozzine determinate d’Abruzzo chiede alla Giunta Marsilio un nuovo welfare per la disabilità

Pescara – «L’esclusione, la segregazione e la discriminazione, erano già condizioni comuni alle persone con disabilità.   Abituati a convivere con le malattie, la paura del futuro, la solitudine, il dramma del “dopo di noi”, Allenati dalla vita -e non dal coronavirus – alla resilienza, si ritrovano anche in una situazione di emergenza come quella generata dal COVID-19 ad essere gli ultimi della fila. Al momento le persone con disabilita hanno perso tutto, tutto ciò che è necessario per la loro esistenza e per quella dei familiari cargiver» Le considerazioni sono del Presidente dell’associazione Carrozzine determinate d’Abruzzo da anni è in prima linea per garantire i diritti delle persone che vivono la disabilità.

«Chiusa la scuola, chiusi i centri di riabilitazione e quelli diurni, –aggiunge Ferrante– interrotta l’assistenza domiciliare le persone con disabilità si ritrovano nelle più disparate forme di emergenza sociale. E se è possibile sostituire, e comunque non è ancora stato fatto, qualche forma di assistenza surrogandola in modalità telematica di certo non è attraverso un computer che possono essere cambiati pannoloni e traverse, così come non può essere gestita una persona con disabilità intellettiva. Questi ragazzi abitudinari sono disorientati, smarriti hanno perso certezze e punti di riferimento sono regrediti socialmente così come sono aumentate le stereotipie e ossessioni.

Dopo un mese e mezzo dai primi provvedimenti restrittivi causati dall’emergenza coronavirus i cargiver di persone con disabilità gravissima sono già allo stremo, 24 ore su 24 con esigenze fisiche e psichiche ingestibili, senza alcun aiuto. Terminati i giorni in più concessi dal governo ai sensi della legge 104 del 92 alcuni familiari sono costretti a valutare il licenziamento non avendo alcun tipo di alternativa, chi riesce tra mille difficoltà a gestire un lavoro da casa si ritrova a svolgere il ruolo di insegnante, infermiere, psicologo, fisioterapista, logopedista tutti insieme e per 24 ore consecutive tutti i giorni della propria vita.

Con il DPCM del 26 aprile siamo nella cosiddetta fase 2 e ci aspettiamo dalla Regione Abruzzo, dal Governatore Marco Marsilio, dagli assessori  Nicoletta Verì e Piero Fioretti, una risposta certa e chiara alla disabilità, e per far questo è necessario rivedere completamente tutto il sistema di welfare, altrimenti la situazione si trasformerà in un dramma sociale, sanitario ed economico devastante e qualcuno se ne assumerà la responsabilità!»

Guarda anche

Coronavirus: emergenza e salute psicologica degli operatori sanitari: oltre la metà segnala un impatto negativo

Il 54% degli operatori sanitari in prima linea per l’emergenza Coronavirus riporta la necessità di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + 7 =