domenica , 12 luglio 2020
Home » Passioni » People » Cappelle sul Tavo approva la Carta dei diritti della bambina della Fidapa sezione Pescara-Portanuova

Cappelle sul Tavo approva la Carta dei diritti della bambina della Fidapa sezione Pescara-Portanuova

Pescara – L’amministrazione comunale di Cappelle sul Tavo ha firmato la nuova Carta dei diritti della bambina. La proposta del documento era stata avanzata dalla sezione Pescara- Portanuova della Fidapa “Federazione Italiana Donne Arti professioni Affari” presente in 100 paesi del mondo. La Carta ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica a un’azione mirata di contrasto alla drammatica emergenza della violenza di genere per un’educazione dei giovani e delle giovani priva dai pregiudizi e per promuovere la sostanziale parità fra i sessi e la valorizzazione delle differenze fra bambine e bambini.

Particolarmente soddisfatta la presidente della Fidapa, sezione Pescara-Portanuova, Simona Corsello che si è detta “grata all’amministrazione di Cappelle per aver compiuto questo atto in un momento difficile e doloroso per tutta l’Italia e il mondo. L’emergenza Covid – ha dichiarato – ha catalizzato tutte le attenzioni, ma la violenza sulle donne non si è fermata. Dall’inizio di marzo le donne uccise da un familiare sono 11 e le richieste di aiuto, secondo una rilevazione fatta dai centri antiviolenze D.i.R.e, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno sono aumentate del 74,5 per cento, si tratta di un’emergenza e una tragedia che colpisce le donne in modo globale, pertanto il messaggio che il Comune di Cappelle ci vuole trasmettere con l’adozione della Carta, proprio in questi giorni, assume un valore, oltre che reale, altamente simbolico”.

La carta nasce per educare alla parità e al contrasto alla violenza, per abbattere il muro delle discriminazioni, cercando di attribuire alle bambine, sin dalla nascita, le stesse opportunità dei maschi.

“Siamo davvero orgogliosi che l’adozione della Carta sia avvenuta all’unanimità da parte del Consiglio comunale, un segno questo che la lotta contro le discriminazioni è al di sopra di ogni parte politica- ha dichiarato il sindaco Lorenzo Ferri-. Si è trattato di un’azione significativa che permette di dare un messaggio alla comunità sull’importanza di lavorare tutti insieme per promuovere la parità di genere, per cui l’adesione del documento comporterà, in primis, una sua pubblicizzazione e diffusione presso i servizi educativi e integrativi della prima infanzia, tra le associazioni di varia natura e le scuole del territorio per sensibilizzare le giovani generazioni. “L’adozione della Carta è un’occasione significativa che permette di dare un messaggio alla comunità sull’impegno e la necessità di lavorare tutti insieme per promuovere la parità di genere nelle giovani generazioni e la valorizzazione delle differenze per il benessere delle relazioni e per la società – ha sottolineato la vicesindaco Adriana Bellisario –. L’adesione di questo documento che è costituito di 9 articoli, è un inizio per accrescere la sensibilità su queste tematiche, coinvolgendo tutti in modo da trasmettere i valori del rispetto delle persone, in generale, senza discriminazione, compresa quella della parità di genere, perché la diversità è un valore e tutte le persone, seppur diverse nei bisogni devono avere pari opportunità e dignità”.

Il Comune ha anche deliberato che a tutti i nuovi nati verrà donata una pergamena della Carta.

Guarda anche

La Pescara che ama in piazza per dire basta a violenza, intolleranza, omolesbotransbifobia, misoginia, razzismo

Pescara – Domenica 12 luglio in piazza Sacro Cuore a Pescara alle ore 21  per ribadire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 1 =