lunedì , 10 Maggio 2021

Centro vaccinale interporto Manoppello: le opposizioni “dal sindaco finto sconcerto”

Una sala del palazzo polifunzionale dell'interporto di Manoppello

Manoppello – «In relazione alla notizia apparsa nei giorni scorsi sui quotidiani locali in merito alla notizia della mancata individuazione dell’Interporto, quale Centro Vaccinale della Val Pescara, ci teniamo a fare le seguenti precisazioni.»

Così i consiglieri comunali di opposizione a Manoppello; Antonella Faraone, Barbara Toppi, Katia Colalongo, Lucio Di Bartolomeo e Romeo Ciammaichella, replicano alla notizia apparsa nei giorni scorsi sulla stampa aggiungendo. «Nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale siamo stati informati dall’assessora alle politiche sociali Giulia De Lellis, su esplicita richiesta avanzata dalla consigliera Katia Colalongo, che l’Interporto di Manoppello non sarà la sede del Centro Vaccinale della Val Pescara, come invece sbandierato ai quattro venti dal Sindaco Giorgio De Luca (centro che molto probabilmente nascerà nell’ex cementificio di Scafa).
Più che la notizia, già tristemente prevedibile, ciò che ci lascia attoniti è il finto sconcerto del Sindaco di fronte al diniego ricevuto dalle autorità competenti: chi è in Amministrazione da 24 anni (di cui 14 in veste di Sindaco) dovrebbe sapere bene che non tutto ciò che sembra idoneo ad un occhio inesperto, lo è poi nella realtà.
Se c’è stata approssimazione, quindi, è stata proprio da parte dell’Amministrazione Comunale, che ha sbandierato la notizia prima di assicurarsi della fattibilità del progetto. Se non è superficialità è pura demagogia.
Settimane di interlocuzioni, telefonate, note, sopralluoghi con Asl e Protezione Civile  buttate al vento: sarebbe imbarazzante già in una situazione di normalità, figuriamoci se in emergenza sanitaria possiamo permetterci questo lusso!
Ha dell’incredibile che il Sindaco si chieda “ingenuamente” cosa sia accaduto ed abbia un’improvvisa voglia di capire e di sapere se ci siano problemi di sicurezza pubblica all’interno dell’Interporto: un mondo al contrario quello in cui un Sindaco pone domande, anziché dare risposte!
La nostra impressione è che al nostro Primo Cittadino bruci più l’aver perso la battaglia con il Sindaco di Scafa sul predominio della vallata (e non è la prima volta), che il Centro Vaccinale. Lo lasciano trapelare le ultime righe del suo comunicato stampa, che rimandano l’immagine di orde di sindaci che tifano per quella o quell’altra squadra. 
Fortunatamente è tutto frutto della sua fervida fantasia. Nessuno, oltre a lui, ha mai perso di vista la vera necessità: avere al più presto un centro vaccinale per i 33.512 residenti dei comuni di Manoppello, Lettomanoppello, Scafa, Alanno Rosciano, San Valentino, Abbateggio, Roccamorice, Caramanico, Sant’Eufemia a Maiella, Turrivalignani, Serramonacesca, Cugnoli, Nocciano, Salle, Bolognano, Torre de’ Passeri.»

Guarda anche

Città Sant’Angelo, approvato il bilancio previsionale: PD e SI “di lacrime e sangue”

Città Sant’Angelo – Nella giornata di ieri, l’Amministrazione comunale di Città Sant’Angelo, ha approvato il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici − 14 =