domenica , 20 Giugno 2021
Jwan Costantini

Zone rosse: i sindaci di Giulianova e Martinsicuro chiedono un tavolo con Unità di crisi e Asl di Teramo

I sindaci Giulianova e Martinsicuro, Jwan Costantini e Massimo Vagnoni, a seguito dell’ordinanza recentemente emanata dalla Regione Abruzzo che pone in zona rossa i due comuni fino a domenica 2 maggio, chiedono urgentemente un tavolo di confronto all’Unità di Crisi e alla Asl di Teramo.

“La richiesta di un tavolo di confronto si rende assolutamente necessaria al fine di capire le ragioni che hanno portato l’unità di crisi e la Asl alla decisione della zona rossa per i nostri comuni – dichiarano i primi cittadini – anche in considerazione degli esigui numeri dei contagi ed il trend in netta diminuzione nell’ultima settimana ed in base ai dati forniti da alcuni comuni limitrofi che evidenziano una situazione analoga o, addirittura peggiore della nostra. Alla luce di questo ci auguriamo che sia possibile rivedere l’ordinanza prima della giornata di venerdì 30 aprile. L’ulteriore danno economico che subiranno le nostre realtà non è quantificabile ed è nostro diritto avere chiarezza sulla ripartizione delle zone rosse”.  

Mariani: “grottesco quanto sta accadendo a Giulianova in merito alla zona rossa: non vorremmo che certe decisioni siano frutto di “ritorsioni politiche” come dice il Sindaco Costantini”

“Quello che sta accadendo in questi giorni a Giulianova, con il comune tenuto dalla Regione in zona rossa per un’altra settimana, e le conseguenti polemiche sorte ha francamente del grottesco” dichiara Sandro Mariani. “Premesso che non voglio entrare in alcun modo nella querelle sul calcolo numerico dell’indice RT, quello che stupisce è leggere un attacco così duro, da parte di un Sindaco della Lega, alla Regione Abruzzo guidata, proprio nella sanità, da un Assessore del Carroccio, Nicoletta Verì. Se quanto affermato dal Sindaco in merito a delle decisioni assunte per “ritorsioni politiche” dovesse corrispondere al vero sarebbe di una gravità inaudita e darebbe l’esatta dimensione di come l’Abruzzo sia ormai ostaggio delle “faide interne” al centrodestra, il tutto a discapito dei cittadini”.
 
“Questa situazione imbarazzante, se confermata, dovrebbe portare ad un solo risultato: le dimissioni dell’Assessore alla Sanità Nicoletta Verì! Condivido quanto detto dal Sindaco Costantini sul fatto che tali decisioni dovrebbe essere prese, a questo punto uso il condizionale, solo dai tecnici della cabina di regia, presieduta proprio da Marsilio e dell’Assessore alla Sanità. La scelta delle zone rosse deve essere presa valutando esclusivamente i dati e i monitoraggi forniti dalle Asl abruzzesi senza essere, in alcun modo, oggetto di entrate a gamba tesa da parte della politica. Vorrei capire anch’io a che titolo esponenti politici della maggioranza diversi dal Presidente e dall’Assessore alla Sanità prendano parte alla discussione del tavolo tecnico di monitoraggio”.
 
“Auspico a questo punto che il Governatore Marsilio faccia chiarezza, perché quello a cui stiamo assistendo in questi giorni non è un bello spettacolo e fa sorgere forti dubbi sul fatto che le lotte interne alla maggioranza condizionino, e non poco, certe decisioni che hanno importanti ripercussioni sulla vita di tante persone” conclude Mariani.

Guarda anche

Coronavirus in Abruzzo 27 nuovi casi, 3 decessi – dati aggiornati al 16 giugno

Pescara – Sono complessivamente 74523 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × quattro =