venerdì , 17 Settembre 2021

Codici: smascherata truffa su auto storiche, assistenza legale per le vittime

PESCARA – L’associazione Codici ha attivato i suoi Sportelli sul territorio per fornire assistenza legale alle vittime, a quanto pare numerose e sparse in diverse regioni, della truffa online smascherata dai Carabinieri di Genova con l’operazione “Old cars”. Scattate nel 2020, le indagini sono culminate con l’arresto di cinque persone, accusate di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. 

“Quello degli acquisti online è ormai un campo minato – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – ed un terreno su cui i consumatori devono muoversi con la massima attenzione. L’operazione ‘Old cars’ ne è l’ennesima dimostrazione, perché conferma anche un meccanismo ormai collaudato. Si parte da un annuncio di vendita sui siti, in questo caso tra l’altro anche noti e che quindi inducono fiducia nell’utente, si passa all’accordo e, a quel punto, arriva la richiesta di pagamento. Nella vicenda in oggetto, parliamo del versamento di caparre, con i malviventi che, incassate le somme, facevano perdere le loro tracce. Questa volta gli è andata male e per questo rivolgiamo un plauso agli investigatori. Con l’occasione, però, rinnoviamo l’invito ai consumatori a prestare la massima attenzione quando si fanno acquisti online, verificando sempre l’affidabilità del venditore e le condizioni di rimborso e recesso”.

Ammonta a 23mila euro il bottino dei truffatori, che hanno messo a segno colpi in Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sardegna e Toscana, pubblicando annunci su noti portali web di compravendita Codici è pronta a fornire assistenza legale alle vittime, che possono mettersi in contatto con l’associazione telefonando al numero 06.55.71.996 oppure scrivendo all’indirizzo email segreteria.sportello@codici.org.

Guarda anche

Sfruttamento schiavitù sessuale: le associazioni Antimafie Rita Atria-PeaceLink Abruzzo “Pescara, Francavilla, Montesilvano, non esenti”

Non possiamo tacere di fronte a quanto abbiamo letto ed ascoltato in queste settimane: non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + 8 =