domenica , 17 Ottobre 2021

No Snam, No Hub del Gas: anche dall’Abruzzo a Roma per manifestare davanti al MITE

Roma – Stamattina 50 attivisti abruzzesi del Coordinamento No Snam – No Hub del Gas hanno partecipato al sit-in davanti al Ministero della Transizione Ecologica a Roma per contestare il Ministro Cingolani nell’ambito dell’iniziativa “Basta greenwashing” promossa dalla rete di comitati “Per il clima, fuori dal Fossile”.


Assieme a delegazioni di comitati dal Veneto, Puglia, Molise, Lazio, Lombardia, Marche ed Emilia Romagna e di associazioni e movimenti nazionali come Friday For Future, Extinction Rebellion Laudato Sii e Greenpeace, hanno voluto ricordare al ministro che la crisi climatica si combatte azzerando le emissioni dalle fonti fossili, metano compreso.


«Il Ministro della “Finzione” Ecologica finora, –hanno commentato gli attivisti No Snam – No Hub del Gas– a parte molte chiacchiere, ha approvato nuove trivelle in mare e in terra nonché diversi progetti di nuove centrali a gas. Un’ipocrisia palese, alle luce dell’ennesimo rapporto allarmante dell’IPCC e considerato che la stessa Agenzia Internazionale dell’Energia ha evidenziato la necessità di non finanziare da oggi nuovi progetti fossili se vogliamo provare a rispettare gli accordi di Parigi sul clima.«Per l’Abruzzo ciò vuol dire fermare la centrale di compressione che la Snam vuole realizzare a Sulmona assieme al metanodotto Sulmona-Foligno, i nuovi progetti di perforazione a Bomba e in Adriatico di fronte a Martinsicuro e tutti gli altri progetti dei petrolieri a cui la proposta di Piano delle Aree del ministero apre le porte nel medio Adriatico. A questi si aggiungono i potenziamenti di alcuni impianti fossili come il metanodotto San Salvo – Biccari e lo stoccaggio gas Treste.»

Guarda anche

Trivelle e Gas, bocciato dal MITE il progetto relativo al più grande giacimento onshore d’Europa in Abruzzo

Forum H2O e SOA: soddisfazione, vittoria dell’intera comunità. Contributo alla lotta alla crisi climatica. Forum …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 4 =