giovedì , 20 Giugno 2024

Regione Abruzzo: 4 anni di Giunta Marsilio

L’AQUILA – “Il risanamento del bilancio regionale certificato dagli organi di controllo, per una delega molto spinosa e poco gratificante dal punto di vista del consenso ma molto significativa per il futuro dell’ente, così come le scelte compiute a favore delle aree interne, penso ad esempio al riconoscimento di nuove aree Snai, ai passi in avanti fatti per la banda larga nei comuni montani, o l’impegno profuso a favore dello sport e dell’impiantistica. I primi quattro anni della Giunta regionale di centrodestra guidata da Marco Marsilio raccontano di risultati mai raggiunti prima e pongono le basi per la conferma dell’amministrazione alle elezioni del prossimo anno”.

Lo dice il senatore di Fratelli d’Italia Guido Liris, fino al dicembre scorso assessore regionale a Bilancio, Personale, Aree interne e sport.

“La legislatura, che si avvia al suo ultimo scampolo, ha rappresentato una netta discontinuità con il passato”, aggiunge, “restituendo all’Abruzzo un ruolo da protagonista in Italia e facendola uscire dai periodi bui di fondi non spesi, debiti monstre e sanità in affanno”.

“Il lavoro che ha avviato il mio assessorato, oggi portato avanti dal collega Mario Quaglieri che ringrazio, ha consentito il riallineamento contabile dell’ente, il ripianamento integrale del disavanzo relativo all’esercizio 2014 pari ad oltre 510 milioni di euro ed ammortizzato per il 50% circa il disavanzo 2015 pari ad oltre 88 milioni di euro, nessun ulteriore disavanzo registrato rispetto alle annualità precedenti pur dovendo fronteggiare l’emergenza pandemia”.

“In squadra con il resto della Giunta e con il presidente Marsilio sono poi stati prodotti risultati tangibili come il progresso nella spesa dei fondi europei, l’ottenimento di risorse per edilizia sanitaria e scolastica, la cantierizzazione di infrastrutture strategiche e la progettazione di altre”, conclude Liris.

4 anni di governo regionale: tutti i risultati e le sfide future

4 anni di governo regionale. Traguardi raggiunti e sfide future. Di questi temi si è parlato oggi nel corso di un evento a Pescara in cui è stato presentato il bilancio dei primi 4 anni di legislatura.  Numeri importanti sono stati evidenziati.

Per il Porto di Pescara: 52,7 MLN completamento infrastruttura di cui 31 MLN (FSC 2014-2020). Per il Porto di Vasto: 20,65 MLN potenziamento e riqualificazione infrastrutturale. 62,3 MLN per il porto di Ortona e 3,8 MLN per il prolungamento molo nord e adeguamento infrastrutturale molo sud per il porto di Giulianova.
Per la difesa della costa investiti € 36.979.968. Le opere infrastrutturali ZES hanno previsto interventi per oltre 53,4 mln totali; € 124.500.000 per la messa in sicurezza dell’acquifero del Gran Sasso + € 5.300.000 solo per la progettazione.
Per il sistema idrico dal PNRR, € 64.905.000 Investimenti in infrastrutture idriche primarie per la sicurezza dell’approvvigionamento idrico. Finanziati 6 interventi urgenti di potenziamento, captazione, adeguamento e ristrutturazione acquedotti.
Interessante anche il dato sull’Europa: a fronte di una spesa certificata sulla programmazione 2014-2020, al 31 dicembre 2018, pari a 13,6% sull’intero programma Fesr, è stata certificata, sul medesimo ciclo, al 31 12 2022, il 79,6 %.
A fronte, invece, di una spesa certificata sulla programmazione 2014-2020, al 31 dicembre 2018, pari a 10,37% sull’intero programma FSE, è stata certificata, sul medesimo ciclo, al 31/12/ 2022, il 92,97 %.
Il virtuoso metodo di avanzamento della spesa adottato da questa nuova giunta, ha consentito una trattativa con il governo giungendo a triplicare la dotazione finanziaria 2014-2020 che, era pari a euro 413 milioni portandola, con il nuovo ciclo di programmazione 2021-2027 a un miliardo e 87 milioni.
Un confronto dei risultati ottenuti dall’Agenzia di Informatica e Committenza nel corso del 2022 rispetto agli anni 2014-2018: +152% procedure bandite in un anno rispetto alla media annua della precedente legislatura; l’importo aggiudicato in un anno risulta 28 volte maggiore del valore complessivo del quinquennio precedente. In particolare, l’ARIC, nel 2022, ha conseguito risultati, dati dalla differenza tra la base d’asta dei lotti aggiudicati e l’effettivo importo di aggiudicazione, per 284 milioni di Euro.
Per l’assegno di natalità di cui alla L.R. n. 32/2021: “Misure urgenti per contrastare lo spopolamento dei piccoli Comuni di montagna” sono state liquidate istanze per un totale di €. 346.235,91.
Nel campo della edilizia sanitaria l’investimento complessivo per la realizzazione di nuovi ospedali ammonta ad oltre 388 mln di euro. 57 milioni per la nuova sede IZSAM di Teramo, risorse che permetteranno di realizzare un Polo Tecnico con importanti ricadute occupazionali e di incentivare ulteriormente gli interventi programmati nell’edilizia sanitaria.
Il bilancio della Regione è a posto e, a seguito del complesso percorso di riallineamento contabile condotto dall’Ente, nell’esercizio 2022 conseguita la parificazione del rendiconto della gestione 2021 da parte della Corte dei Conti.
Ripianato integralmente il disavanzo relativo all’esercizio 2014 pari ad oltre 510 milioni di euro ed ammortizzato per il 50% circa il disavanzo 2015 pari ad oltre 88 milioni di euro.
Nessun ulteriore disavanzo registrato rispetto alle annualità precedenti pur dovendo fronteggiare la difficile situazione emergenziale della pandemia da Covid-19.
450 milioni per la spesa sul sociale: tre volte tanto quello che accadeva nel piano precedente.
5 aree interne identificate in Abruzzo nel ciclo di programmazione 2014-2020 + 2 nuove aree identificate nel ciclo di programmazione 2021-2027.
20 milioni di euro per il progetto luce d’Abruzzo Rocca Calascio
Per la Grande partenza del Giro d’Italia 2023 con risorse Fsc Abruzzo a valere sul PSC 2000-2020 oltre 7 milioni di euro.
E per concludere un dato che riguarda l’Aeroporto d’Abruzzo Pescara che ha fatto registrare un record di passeggeri nell’anno 2022 con oltre 715.690 utenti.

Guarda anche

Avs – Radici in Comune “a Pescara, pronti a difendere la città dalle destre”

Pescara – «Aver preso 3073 voti alle amministrative di Pescara, pari al 5,2% è per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *