giovedì , 22 Febbraio 2024

Ripensare il turismo montano:  da “Active Abruzzo Bianco” cinque proposte alla Regione  

Dibattito ieri mattina a Pescara su accoglienza, informazione, mobilità, sviluppo digitale e collaborazione

Pescara – Serve una vera e propria riorganizzazione dell’offerta, in modo da poter proporre un modello turistico dell’Abruzzo montano che vada oltre la sola realtà degli impianti di risalita e degli sport ad essi collegati. E’ la proposta emersa dal workshop tenuto ieri mattina al Caffè Letterario di Pescara nell’ambito dell’edizione 2023 di “Active Abruzzo”, l’evento organizzato da CNA Turismo Abruzzo per valorizzare la vacanza attiva e il turismo esperienziale, quest’anno dedicato proprio all’Abruzzo Bianco: una vacanza, insomma, che può puntare su scelte di inclusività, di superamento delle barriere architettoniche, di valorizzazione di percorsi adatti al trekking e alle ciaspolate, di recupero dei rapporti con le popolazioni dei borghi, di utilizzo di forme alternative di mobilità, di riscoperta di tradizioni eno-gastronomiche e dell’artigianato artistico.

Cinque le direttrici della proposta scaturita dall’ascolto di esperti ed operatori, che ora l’associazione presieduta da Claudio Di Dionisio, che ieri ha introdotto i lavori, invierà alla Regione perché se ne faccia promotrice. Nel progetto, ci sono evidenti riferimenti a un marketing più incisivo, a una mobilità sostenibile e integrata, a una informazione capillare, alla formazione degli operatori, all’uso della rete e a tutto quanto possa davvero connotare un nuovo prodotto turistico: come il miglioramento del servizio di accoglienza e di informazione turistica; dei servizi di mobilità collegati; del posizionamento digitale del territorio; il sostegno alla collaborazione tra operatori e una progettazione condivisa; il miglioramento delle competenze e delle capacità degli operatori pubblici e privati.

Diverse le voci intervenute nel dibattito coordinato dal responsabile regionale di CNA Turismo, Gabriele Marchese e concluso dal direttore regionale della CNA, Graziano Di Costanzo. Tra loro, quelle di esperti internazionali e di operatori professionali, oltre che di giornalisti specializzati, rappresentanti delle associazioni ambientaliste, vertici delle aree protette: tra loro, solo per citarne alcuni, Marcello Borrone, Paolo Piacentini, Peter J.Hoogstaden, Lucio Zazzara, Emanuele De Simone, Mirko Cipollone, Alfredo Di Giovampaolo, Max Rella, Claudio Zanin, Manuela Filugelli, Diego Pieroni. Per la Regione era presente all’incontro il direttore del Dipartimento Sviluppo Economico, Germano De Sanctis. 

“Active Abruzzo Bianco 2023”, che oggi chiuderà i battenti dopo cinque giorni di attività nelle aree montane delle quattro province, è patrocinato dalle Camere di commercio di Chieti-Pescara e del Gran Sasso d’Italia, oltre che dalla Banca Bper,

Guarda anche

Rocca San Giovanni alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano

Per promuovere le bellezze della via Verde, della Costa dei Trabocchi e del borgo medievale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *