lunedì , 26 Ottobre 2020

Risanamento dei fiumi, Tomei alla Regione: investire ora sui depuratori

La richiesta arriva all’indomani della diffusione dei dati relativi alle analisi realizzate da

Goletta Verde, di Legambiente, sullo stato di salute del nostro mare; dati che hanno

confermato il forte tasso di inquinamento di ben sette dei nove siti analizzati.

A detta di Tomei, «la strada da seguire è la stessa che la Regione intraprese

esattamente un anno fa per il caso di Alba Adriatica, esploso alla vigilia della stagione

turistica: in quell’occasione – ricorda – finì sotto accusa proprio l’insufficiente

funzionamento del depuratore.
Con un investimento di cento milioni di euro, quel

sistema è stato potenziato e messo in efficienza, insieme alla rete idrica; la Regione ha

dimostrato così grande attenzione verso un problema che può condizionare

negativamente l’andamento turistico. Ma adesso si tratta di “esportare” quel metodo

anche sugli altri punti critici della nostra costa».

Per Tomei occorre dunque sfruttare la denuncia di Legambiente, come occasione per

un positivo intervento di risanamento delle acque abruzzesi: «Perché sia possibile già

nei prossimi anni – conclude – offrire sul mercato turistico un “prodotto Abruzzo” forte

di acque marine e fluviali pulite, oltre che di un sistema di spiagge premiate con le

“Bandiere Blu”».

Guarda anche

Dall’Aeroporto d’Abruzzo appello al Governo per l’inserimento nel Recovery Fund

Pescara – Parte anche dall’Aeroporto d’Abruzzo l’appello al Governo per inserire le infrastrutture aeroportuali nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + 17 =