mercoledì , 28 Ottobre 2020

Pescara, macchie al largo, si attivano Comune, Capitaneria di Porto e Arta per verificarne la natura

I campioni fa sapere il vicesindaco sono stati trasferiti all’Arta per accertarne l’origine che si presume derivi da accumuli di mucillagini, attraverso i relativi esami.
“Come Comune abbiamo fatto intervenire un mezzo anche per un rilievo fotografico sulle aree interessate.-informa Del Vecchio- Ad un primo confronto avuto con i tecnici di Capitaneria e Arta sulla natura del materiale, si presume che questo possa derivare dal moto ondoso e dalla calura di questo scorcio di fine estate.

Allo stato attuale non si rilevano allarmi particolari, in ogni caso resta alta l’attenzione per avere sempre un quadro completo sulle condizioni del nostro mare, sia pure a stagione balneare ormai conclusa.
Un elemento in più che ci consentirà di approfondire e valutare nel corso dei mesi che abbiamo di fronte prima della stagione estiva per meglio considerare tutti gli interventi necessari e per rassicurare bagnanti e cittadini”.

Guarda anche

Coronavirus: 203 nuovi in Abruzzo di età compresa tra 7mesi e 101 anni, 2 i decessi – dati aggiornati al 15 ottobre

Casi positivi a 5648* (+203 su 3222 tamponi) Pescara – Sono complessivamente 5648 i casi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 2 =