giovedì , 2 Dicembre 2021

Visita del Premier a Pescara: città blindata al traffico. Da piazza Sacro cuore partirà il corteo del NO

Pescara – Sono state pubblicate questa mattina l’ordinanza e le mappe relative alla mobilità cittadina in occasione della visita del Premier Matteo Renzi prevista per giovedì 10 novembre. In giornate dal dibattito acceso, i sostenitori del No al referendum costituzionale faranno sentire la loro voce già da domani 9 novembre quando  alle ore 18 in Piazza Muzii, Sinistra Italiana Abruzzo  sarà in piazza per l’iniziativa CGIL che vedrà la presenza di Maurizio Landini. Giovedì prossimo invece un corteo che partirà da Piazza Sacro Cuore vedrà riunite associazioni, partiti e sigle tutte per il No.

Pubblichiamo  la circolazione nelle aree interessate dal passaggio del Premier per la giornata di giovedì con i relativi orari.

 L’ordinanza prevede:

  •   L’istituzione del divieto di sosta e di fermata con rimozione forzata dalle ore 8,00 alle ore 20,00 del 10/11/2016 su Viale della Pineta, (da Via Pantini a Viale L. D’Annunzio), su Viale L. D’Annunzio (per il tratto compreso tra la rotatoria antistante l’edificio ex Aurum fino all’incrocio con Via Scarfoglio), Via de Titta (da Via Figlia di lorio all’ex Aurum), Via Palizzi, Viale Modesto della Porta, Via D’Avalos (da Via Elettra, fino alla rotatoria antistante l’ex Aurum),
  •   l’istituzione del divieto di transito dalle ore 8,00 alle ore 18,00 del 10/11/2016 e comunque fino a cessate esigenze, su Viale della Pineta (da Via Pantini  a Viale L. D’Annunzio), su Viale L. D’Annunzio (per il tratto compreso tra la rotatoria antistante l’edificio ex Aurum fino all’incrocio con Via Scarfoglio),Via de Titta (da Via Figlia di lorio all’ex Aurum), Via Palizzi, Viale Modesto della Porta, Via D’Avalos (da Via Elettra, fino alla rotatoria antistante l’exAurum);

aurum

  •    l’istituzione del divieto di sosta e di fermata con rimozione forzata dalle ore 8,00 alle ore 20,00 del 10/11/2016, e comunque fino a cessate esigenze, su Corso Vittorio Emanuele per il tratto compreso tra Via Messina ed ex Via Asti;
  •    l’istituzione del divieto di transito, di sosta e di fermata con rimozione forzata dalle ore 8,00 alle ore 20,00 del 10/11/2016 su Via Teramo, Via Pisa e Via Toscana, compreso interdizione accesso parcheggio area di risulta da Via Pisa;
  •    l’istituzione del divieto di sosta e di fermata con rimozione forzata dalle ore 8,00 alle ore 22,00 del 10/11/2016 sull’intera Piazza Italia.
  •    l’istituzione del divieto di transito dalle ore 18,00 alle ore 24,00, e comunque fino a cessate esigenze, nella giornata del 10/11/2016 sull’intera Piazza Italia.

corso-vittorio

  •    l’istituzione del divieto di transito dalle ore 18,00 alle ore 24,00, e comunque fino a cessate esigenze, nella giornata del 10/11/2016 sul tratto di Via Paolucci direzione mare/monti, compreso tra l’incrocio con Via Bologna e Piazza Italia;
  •    l’istituzione del divieto di transito, di sosta e di fermata dalle ore 18,00 alle ore 24,00 del 10/11/2016 su Via Avezzano, per il tratto compreso tra Via Ostuni e Piazza Italia;
  •   chiusura della rampa di uscita dall’asse attrezzato direzione Piazza Italia dalle ore 18,00 alle ore 24,00, e comunque fino a cessate esigenze, nella giornata del 10/11/2016;

piazza-italia

  •   l’istituzione dei divieto di transito, di sosta e di fermata con rimozione forzata ad eccezione dei mezzi dei sindaci dei Comuni della regione Abruzzo partecipanti al programmato incontro, dalle ore 8,00 alle ore 20,00 del 10/11/2016 sull’area a parcheggio antistante il Campo Sportivo A. Flacco (Antistadio).

Sinistra Italiana Abruzzo in piazza con CGIL e ‘NO Renzi Day’

Domani 9 novembre  alle ore 18 in Piazza Muzii, Sinistra Italiana Abruzzo sarà in piazza per l’iniziativa CGIL con Maurizio Landini. Il 10 Novembre parteciperà alla manifestazione ‘No Renzi Day’  alle 18.30 in Piazza Sacro Cuore  indetta da movimenti e comitati per esprimere il proprio NO alle politiche del Governo Renzi, alla modifica Costituzionale e alla sua eccessiva ed invasiva campagna Referendaria. 

“Il 10 novembre il Presidente del Consiglio Matteo Renzi sarà a Pescara per fare campagna referendaria per il Si e inaugurare il Festival delle Letterature dell’Adriatico. Non sfugge a nessuno che il Presidente del Consiglio e l’intero partito democratico si giocano la partita della vita con il referendum del 4 dicembre –commentano i coordinatori di Sinistra Italiana Abruzzo–  e per questo riteniamo inopportuna in questo contesto la presenza del Premier al FLA2016. Come partito ci siamo battuti da subito contro una riforma che concentra tutto il potere nelle mani di pochi. L’obiettivo? Fare meglio gli interessi dei soliti pochi. C’è chi vuole un parlamento ancora più obbediente e inutile. NOI NO!

In caso di vittoria del Si, il Premier viene eletto direttamente e si garantisce il controllo della maggioranza assoluta della Camera; la gran parte dei deputati sono nominati dai partiti, il Senato non viene abolito ma viene tolto ai cittadini il potere di eleggere i suoi membri, si riduce l’autonomia per territori e regioni, nessun contrappeso efficace ai poteri dell’esecutivo come avviene nel vero presidenzialismo

Crediamo sia importante accoglierlo alla nostra maniera, ovvero riempiendo le strade di Pescara con un corteo pacifico e colorato per dimostrare al Premier che c’è un Paese reale mobilitato in questi anni in difesa della scuola pubblica, dei beni comuni, dei diritti del lavoro, dell’ambiente e che soprattutto vuole difendere la Costituzione ancora così attuale e in parte inapplicata”

Rifondazione Comunista “cartelloni abusivi per la propaganda al Sì” presentato esposto  

“Renzi e D’Alfonso violano le semplici norme che regolano la campagna elettorale”. E’ quanto anunciano Maurizio Acerbo della Segreteria nazionale Rifondazione Comunista insieme a Corrado Di Sante Segretario Provinciale Rifondazione Comunista Pescara che definiscono palesi violazioni di leggi quelle che hanno riscontrato e che oggi denunciano.

“Ieri sera abbiamo segnalato alla polizia la presenza di un tabellone pubblicitario luminoso che su Via Silvio Pellico annuncia il comizio per il Sì del Presidente del Consiglio Matteo Renzi in palese violazione, dell’articolo 6 della legge n.212/56 e successive modifiche in quanto al comma 1 è “vietata ogni forma di propaganda elettorale luminosa o figurativa, a carattere fisso in luogo pubblico.”

Segnaliamo inoltre numerosi manifesti in pubblica affissione a cominciare da Via Enzo Ferrari a Pescara, 2 grandi striscioni sull’asse attrezzato all’altezza del cementificio in entrambe le direzioni, ben visibili sia da chi va da Pescara a Chieti che in direzione opposta, nonché il gigantesco manifesto messo su struttura Walter Tosto sull’asse attrezzato; tutti quanti, manifesti, striscioni e insegne di propaganda elettorale in palese violazione della normativa vigente, infatti a partire  dal 4 novembre 2016  l’affissione dei materiali di propaganda elettorale e simili è consentita esclusivamente negli spazi appositi predisposti dai comuni. –scrivono Acerbo e Di Sante– Il Comune avrebbe il dovere di  tempestivamente ricoprire e sanzionare tali abusi ma non lo ha fatto.

Come se non bastasse anche i manifesti elettorali che il comitato per il Sì di D’Alfonso e Renzi ha affisso negli spazi assegnati sono in palese violazione della normativa vigente in quanto non riportano l’indicazione del committente responsabile né l’indicazione del gruppo politico, parlamentari o promotori del referendum (riconosciuti dalla Corte Suprema di Cassazione) che ha provveduto alla stampa del manifesto. È cosa grave perché nel mese di campagna elettorale “Sono vietati gli scambi e le cessioni delle superfici assegnate” e “Tutte le pubblicazioni di propaganda elettorali a mezzo di scritti, stampa o fotostampa, radio, televisione, incisione magnetica ed ogni altro mezzo di divulgazione, debbono indicare il nome del committente responsabile.

Siamo di fronte all’esercizio dell’arroganza e della prepotenza. Renzi e D’Alfonso sono pieni di zie e sponsor e quindi le multe non li preoccupano. Semmai ne ricevano –concludono i due dirigenti PRC– hanno risorse per pagarle o magari se le annullano pure facilmente. A questo uso arrogante e prepotente delle istituzioni diciamo NO. Oggi presentiamo un esposto e invitiamo tutte/i giovedì 10 a partecipare al corteo per il NO che partirà da Piazza SacroCuore”

Azione Civile Abruzzo a Renzi “torni ad occuparsi dei compiti di governo”

Azione Civile Abruzzo si aggiunge al coro dei contrari alla visita el Premier e in una nota condanna fermamente il comportamento del Presidente Renzi, e del governo tutto, portando all’attenzione di cittadini, Alte Cariche dello Stato, Organismi di controllo e garanzia e del Parlamento due questioni fondamentali, AC evidenzia “l‘assenza di una guida e di una strategia per il Paese causata da un governo da troppo tempo impegnato in una personale battaglia referendaria contro tutte le altre forze politiche e sociali”. Il movimento inoltre sottolinea “l‘assurda personalizzazione dei temi costituzionali e la debordante presenza degli esponenti di governo e maggioranza su tutti i mezzi di comunicazione

Azione Civile Abruzzo chiede quindi al Presidente del Consiglio di tornare ad occuparsi dei compiti di governo per i quali fu nominato e viene da noi stipendiato, e ai Presidenti della Repubblica, delle Camere, alle Commissioni di Vigilanza e all’Autorità Garante delle Comunicazioni di condannare e fermare questa “invasione” dei membri del governo sui media e nelle piazze”.

Guarda anche

Montesilvano, PD e M5S denunciano “attività amministrativa imbrigliata da beghe interne”

Montesilvano – «Da troppo tempo è evidente che lo strappo politico in seno alla maggioranza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + 17 =