lunedì , 2 Agosto 2021

Il Piano neve 2017 della provincia di Chieti. La relazione istruttoria

Chieti – “Ringraziamo tutti il personale tecnico provinciale per il grande sforzo profuso per attuare il Piano Neve, redatto e coordinato dal Dirigente Ing. Carlo Cristini, a fronte di un evento di eccezionale intensità che ha interessato l’intero territorio provinciale, dall’entroterra alla costa.” Così il Presidente della Provincia di Chieti  Mario Pupillo insieme al Vicepresidente e delegato alla Viabilità Antonio Tamburrino introducono alla  “relazione istruttoria Piano Neve gennaio 2017” redatta dai responsabili del Servizio Viabilità della provincia di Chieti, Ing. Pasqualino Scazzariello e Ing. Paola Campitelli, dove si illustrano in sintesi le attività e le maggiori criticità riscontrate in alcune zone della provincia, traducendo in numeri “chiari e rigorosi” la portata degli interventi messi in campo dal 5 gennaio ad oggi in termini di risorse umane, strumentali e finanziarie.

L’impegno totale e ininterrotto del personale impiegato nell’operazione, sia interno che delle ditte affidatarie, commentano Pupillo e Tamburrino, ha permesso al Piano Neve di funzionare e di ripristinare la viabilità sulla rete viaria provinciale.

“Lo spirito di servizio e il senso di profonda responsabilità per la gestione delle strade –continuano il Presidente e ile delegato alla Viabilità–  ha prevalso e fatto superare la stanchezza di un lavoro quotidiano che impone di assumere decisioni immediate senza sosta, notte e giorno, dove non mancano tensioni determinate dalla straordinarietà dell’evento e dalle numerose segnalazioni cui far fronte in tempi brevi. Il lavoro di squadra della struttura tecnica, unito all’impegno personale a partire dal dirigente fino al cantoniere, non sono stati sufficienti ad annullare i disagi propri di uno stato di emergenza cui la relazione tecnica fa riferimento, tuttavia sono stati affrontati e superati anche avvalendosi di sinergie e collaborazioni che solo l’esperienza e la professionalità sono in grado di generare in modo efficace.La Provincia di Chieti ha assunto impegni economici facendo affidamento su risorse proprie non sufficienti, ma la speranza e l’appello che rivolgiamo alla Regione è quello di accogliere e sostenere la richiesta di stato di calamità naturale per reperire i fondi che saranno necessari anche a recuperare un buono stato delle strade provinciali, le quali risulteranno prevedibilmente peggiorate dalla recente nevicata”.

LA RELAZIONE ISTRUTTORIA PIANO NEVE GENNAIO 2017

Dal giorno 5 gennaio 2017 il territorio della Provincia di Chieti è stato interessato da nevicate di eccezionale intensità anche nelle zone a bassa quota. Ciò ha comportato, l’immediato avvio del “Piano Neve” della Provincia di Chieti che ha interessato l’intera rete stradale di competenza (1800 km) suddivisa in n. 96 lotti di intervento affidati a imprese esterne giusta determina dirigenziale n. 928 del 16.12.2016
Le operazioni di sgombero della neve e spargimento sale, hanno previsto la cooperazione in sinergia sia dei mezzi di proprietà dell’Ente, utilizzati dal personale dipendente o dati in comodato d’uso a ditte private, sia di circa 70 IMPRESE esterne, alcune occasionali altre legate da rapporto contrattuale con la Provincia poiché i mezzi e i cantonieri a disposizione dell’Ente sono numericamente insufficienti.
Le forti nevicate, le raffiche di vento e le temperature sotto zero hanno richiesto tanto ai dipendenti provinciali che alle ditte private e, più in generale a quelle che nel contesto emergenziale si sono rese disponibili a collaborare con l’Ente, innumerevoli e prolungati interventi di sgombero neve e spargimento sale, per ripristinare i collegamenti stradali tra i vari comuni della Provincia.
Tutte le operazioni sono state gestite in stretta collaborazione con l’intero sistema della Protezione Civile, sotto il diretto controllo della Prefettura di Chieti, dei Sindaci dei Comuni, della Autorità Regionale e di tutte le Forze di Polizia.
Particolare attenzione ed impegno di forza lavoro sono state profuse nel comprensorio della “Maielletta” che ha visto in azione mezzi e personale di Ditta privata affidataria del servizio per l’intera stagione invernale. L’entità delle precipitazioni nevose hanno richiesto la chiusura della S.P. n. 220 “Maielletta” per un tratto di 16 km per n. 5 giorni al fine di provvedere allo sgombero neve e consentire il transito dei veicoli in sicurezza anche in relazione alla vocazione turistica dell’area montana del comprensorio.
Inoltre nell’Alto Vastese, dove la perturbazione ha determinato situazioni limite, con accumuli locali di neve superiori ai due metri sono state messe in gioco tutte le risorse a disposizione dell’Ente impegnando il personale con continuità fin dall’avvio dell’emergenza. Le operazioni hanno richiesto la collaborazione dei compartimenti ANAS di Campobasso e L’Aquila che sono intervenuti con due turbine e i rispettivi operatori a supporto delle attività già in corso da parte di questa Provincia.
Durante tutti i giorni di questa “emergenza” il personale stradale e il personale dell’ufficio tecnico della Viabilità hanno lavorato ininterrottamente coordinando e riscontrando i tanti interventi finalizzati a riaprire i collegamenti ed il transito veicolare sulle SS.PP., raggiungere aziende agricole e zoologiche isolate, dare supporto logistico ed operativo alle Società di gestione delle reti elettriche ed acquedottistiche, ristorare case isolate e favorire il trasporto di personale medico e malati.
Le attività al momento risultano ancora in corso sui 96 lotti d’intervento previsti dal Piano Neve, con l’impiego di circa 70 ditte esterne e 100 mezzi. Allo stato risultano utilizzati per le operazioni di disgelo circa 20.000 quintali di sale marino equivalenti a n. 70 camion di fornitura.
Nei prossimi giorni continueranno le attività necessarie a garantire la sicurezza della circolazione stradale mediante lo spargimento di sale per disgelo, lo sgombero neve nelle zone a più alto innevamento, il carico e l’allontanamento dei cumuli di neve per l’allargamento delle corsie di marcia e delle aree di manovra.
A tali operazioni dovranno far seguito il taglio e le potature degli alberi caduti sotto il peso della neve e la riparazione dei manti stradali con la messa in opera di asfalto a freddo nelle buche che inevitabilmente si presenteranno a seguito dell’evento nevoso.
Nella tabella che segue si riportano in sintesi i dati relativi alle risorse impiegate nella gestione del Piano Neve provinciale fino all’11.01.2017 e la stima presunta delle ulteriore risorse economiche che si renderanno necessarie per il compimento delle operazioni in corso.

 

 

EMERGENZA NEVE GENNAIO 2017
 
Personale tecnico impegnato nell’emergenza
Ingegneri 2
Geometri 6
Personale stradale impegnato nell’emergenza
Ag. Coordinatori 21
Cantonieri 35
 
km strade provinciali 1800
N. Lotti interventi sulla rete stradale di competenza 96
IMPRESE AFFIDATARIE per servizio di sgombero e/o spargimento sale 70
MEZZI impegnati nelle attività 100
 
SPESA PRESUNTA GIORNALIERA per sgombero neve e/o spargimento sale € 150.000,00
SPESA presunta al 11-01-2017 € 900.000,00
SPESA per acquisto SALE al 11-01-2017 (q.li 20.000) € 142.000,00
   
SPESA per lotto “MAIELLETTA” a corpo € 82.186,09
 
In considerazione del perdurare delle avverse condizioni meteo e della necessità di proseguire il servizio nei prossimi giorni, si stima una ulteriore necessità economica pari a:
ULTERIORE SPESA STIMATA € 500.000,00

 

 

 

Guarda anche

L’AQUILA CENTRO STORICO: D’ANGELO-DUNDEE (CAMBIAMO), “AGGIUSTARE CRITICITA’ TENENDO FERMO L’OBIETTIVO”

L’Aquila – “In tutte le città con centri storici di pregio le isole pedonali sono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 4 =