domenica , 16 Maggio 2021

Abruzzo, una proposta di modifica della legge sui parchi presentata dalle associazioni ambientaliste in Regione

Federparchi, Legambiente, WWF, Ambiente e/è vita e Lega COOP hanno consegnato all’Assessorato ai Parchi una bozza di nuova Legge quadro sulle Aree protette abruzzesi

 

L’Aquila – “Abbiamo concluso un lavoro di rielaborazione della proposta di Legge quadro sulle aree protette della Regione Abruzzo che modifica la Legge 38/1996 – dichiarano i firmatari della nuova proposta – e che è frutto di una visione condivisa e volta a formulare un testo adeguato per affrontare le sfide sulle strategie globali per frenare la perdita di biodiversità e valorizzare al meglio le aree protette presenti nella regione Verde d’Europa.”

 

Nei contenuti della nuova proposta, consegnata questa mattina all’assessore Di Matteo e agli uffici regionali competenti, si è cercato di valorizzare l’esperienza maturata in questi anni dalle aree protette di una regione che tutela specie e habitat tra i più importanti d’Europa. È stato in particolare sottolineata l’importanza del Parco regionale esistente e dell’intero sistema delle Riserve, in sinergia con i Parchi nazionali, cercando di porre le basi per la costruzione della Rete ecologica regionale valorizzando le Infrastrutture verdi, al fine di dare piena attuazione alle strategie Europee e nazionali per la tutela della Biodiversità.

 

Nel sistema di governance della nuova proposta di legge, si punta ad una programmazione unitaria delle risorse economiche dei progetti di conservazione di tutte le aree protette d’Abruzzo, a mettere a valore i successi ottenuti dai Parchi nazionali e al rilancio dell’Appennino Parco d’Europa che rappresenta ancora l’unica strategia di successo per la natura, la bellezza e la cultura delle aree interne.

 

Questo nuovo testo nasce dal coinvolgimento delle associazioni, delle aree protette e di Federparchi, con l’intento di costruire, insieme con la Regione, un percorso trasparente e valido, anche per far sì che la stessa Regione si doti di un serio Programma triennale per le aree naturali protette presenti in Abruzzo, attraverso il quale pianificare le risorse e le opportunità progettuali messe a disposizione dei territori protetti e delle comunità interessate.

 

Guarda anche

A Pescara la biodiversità riconquista una città: a sorpresa due tra le piante più rare d’Abruzzo

La Camomilla delle spiagge e la Soldanella di mare, hanno ricolonizzato la spiaggia di Pescara. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × cinque =