sabato , 18 novembre 2017
Home » Polis » Politica » Amministrative ’17 : Il segretario del circolo PD di Francavilla chiede ‘Assunzioni di responsabilità’
Monica Di Battista

Amministrative ’17 : Il segretario del circolo PD di Francavilla chiede ‘Assunzioni di responsabilità’

Francavilla al Mare – «Dopo l’eclatante sconfitta delle amministrative 2017 il Circolo di Francavilla al Mare del Pd liberamente esprime, senza alcuna remora o reticenza, la sua insoddisfazione verso l’operato e la gestione dei quadri dirigenti abruzzesi del Partito Democratico. Infatti, sono cadute nelle mani del centro-destra piccoli e grandi comunità, da tempo aree del centro-sinistra. La causa di ciò è da ricercare, secondo noi, in diversi fattori. Il primo risiede nell’assenza di strategia politica da parte delle segreteria regionale di Marco Rapino e di quelle provinciali: come non rimanere scioccati dopo la debacle dell’Aquila, su cui il Presidente Regionale Luciano D’Alfonso e lo stesso ex-sindaco Massimo Cialente hanno espresso, seppur timidamente, la necessità di una riflessione critica». Così il segretario del Circolo PD di Francavilla al MareMonica Di Battista, in una lettera aperta, dopo i risultati dei ballottaggi delle elezione amministrative hanno visto il trend del PD abruzzese in discesa.

«Questa insufficienza politica, priva di visione a lungo termine, –continua Monica Di Battista– è stata prodotta da un modus operandi interno, atteggiamento nefasto per il Partito, ovvero la fedeltà indiscussa e acritica al riferimento verticistico. Ci stiamo avviando, sembrerebbe, verso il fallimento del “renzismo” e di quello  “abruzzese”, per cui vediamo la necessità di cambiare rotta, tornare alla “sana politica”. E qui arriviamo alla seconda grande causa della debacle del nostro Partito Democratico in Abruzzo: la sana politica non può andare d’accordo con il controllo dei circoli comunali, con il meccanismo improduttivo della supervisione dall’alto, da parte delle direzioni provinciali regionali e nazionali, nei confronti delle sedi cittadine. Questo controllo si attua attraverso sottogruppi interni, veri e propri feudi elettorali di amministratori provinciali e regionali che spesso si riposizionano nei loro percorsi e profili ideologici per auto-conservare la carica.

Lo schiaffo,  il nostro Partito, l’ha preso forte, ma noi non vogliamo mettere alla berlina la nostra comunità e identità culturale progressista. Vogliamo che chi ha sbagliato si assuma le proprie responsabilità. Ci sentiamo parte attiva di questo partito e chiediamo di essere ascoltati; è da mesi che inviamo documenti di critica alla segreteria regionale e a quella provinciale teatina, ma nessuna risposta, nessun incontro, nessuna discussione è stata avviata.

Infine vorremo esprimerci sulla scelta dei candidati per le amministrative: se guardiamo il panorama delle candidature e delle vittorie in provincia di Chieti e in Abruzzo, pochissimi sono i Sindaci eletti con tessera Pd. Questo perchè non c’è costruzione di personalità politiche, con la scusante facile di una società liquida decostruita e in regressione culturale. Noi vogliamo ancora credere che sia possibile appassionare i cittadini e soprattutto i giovani, nostra futura classe dirigente, con la buona politica.

La buona politica  deve recuperare onestà intellettuale e coerenza, preparazione culturale e politica, rifondando l’impegno del popolo democratico. La buona politica è quella, molto invidiata e contesa, che viviamo a Francavilla al Mare, perchè il modello “Luciani” è riuscito ad avvicinare e mettere d’accordo menti capaci e oneste: questo modello è fatto di lavoro quotidiano e di idee per la città, di risoluzione di problemi reali e non controllo dei voti. E’ fatto soprattutto di entusiasmo proattivo. Il gruppo di lavoro della coalizione e del Partito democratico francavillese guidato dal Sindaco è stato riconfermato, al secondo mandato, con il 65% dei voti; qui ci sentiamo liberi di discutere e rifuggiamo l’ingerenza di chi attua strategie che vadano al di fuori del miglioramento della vita dei nostri cittadini.

In conclusione chiediamo alle nostre direzioni provinciale e regionale la possibilità di essere ascoltati, di collaborare, di crescere insieme. Ci auguriamo che chi è al vertice sia capace di tessere intorno gruppi di lavoro proficui, donne e uomini che ci rappresentino ascoltandoci e non controllandoci».

Guarda anche

Al via Abruzzo include, il progetto è stato presentato a Francavilla VIDEO

Francavilla al Mare. Contrasto alla povertà e all’ esclusione sociale attraverso progetti di inclusione socio-lavorativa e tirocini extracurriculari in favore di persone in condizione di svantaggio e povertà. Gli Enti Capofila di Ambito Distrettuale n.9 “Val di Foro”, n. 8 “Chieti” e n.13 “Marrucino” hanno ottenuto un importante finanziamento da parte della Regione Abruzzo e propongono l’avviso “Abruzzo Include”. L’importo totale del progetto è di 450mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette − tre =