sabato , 20 gennaio 2018
Home » Passioni » People » Associazioni » La filovia e il problema irrisolto delle barriere architettoniche
Claudio Ferrante in campo nel maggio 2013 per protestare contro le barriere architettoniche presenti lungo il tracciato della filovia.

La filovia e il problema irrisolto delle barriere architettoniche

di *Ivano Angiolelli

Correva l’anno 2014, il 31 maggio.
I candidati sindaci di Pescara e Montesilvano, nel corso di una bella manifestazione organizzata da Claudio Ferrante, con la sottoscrizione del documento allegato, assunsero l’impegno formale di rimediare al problema delle barriere architettoniche disseminate sull’intero tracciato riservato alla Filovia mai nata: anche, e soprattutto, per questa grave criticità irrisolta, insieme a tutte le altre arcinote, che rende impraticabile la regolare entrata in esercizio dell’impianto in condizioni di sicurezza e piena accessibilità all’ipotizzato servizio di trasporto.
La riprova evidente sta nel fatto incontestabile che dopo i lunghi anni vanamente trascorsi (la prescrizione del Comitato VIA nel merito risale al Giudizio n. 2275 dell’11 settembre 2013), non è stato fatto nulla.
Il più recente atto formale sulla incresciosa vicenda, riguarda una lettera d’incarico al Presidente TUA SpA, dottor Tullio Tonelli, sottoscritta il 21 settembre scorso dal Governatore D’Alfonso, che mira – a subordinato giudizio dei comitati – ad assegnare alla stazione appaltante le responsabilità di competenza, più che confidare nella effettiva rimozione delle barriere architettoniche: in gran numero insuperabili per la mancanza di spazi idonei allo scopo, che rendono il tracciato per lunghi tratti inaccessibile alle persone con disabilità.
Un peccato originale, che pesa come un macigno sull’assai improbabile completamento di un’opera in prevalenza sgradita alla popolazione.
Converrebbe, una buona volta, prenderne atto, anziché ostinarsi negli errori macroscopici mai ammessi e riconosciuti da addetti ai lavori superficiali e incompetenti.
Questa bella immagine, fresca di stampa, a me pare il miglior commento possibile circa la destinazione d’uso ideale – che peraltro svolge al meglio da un ventennio – da preservare al Viale.
*portavoce comitati

Guarda anche

Concerto di Caparezza spostato da Pescara a Roseto

Pescara. In conseguenza alla necessità di una struttura con capienza più ampia, visto l’ottimo e crescente andamento della prevendita si è reso necessario il cambio palazzetto e città, dal Pala Giovanni Paolo II di Pescara al PalaMagetti di Roseto degli Abruzzi, della tappa di lunedì 12 febbraio, ore 21, del “Prisoner 709 Tour” di Caparezza. Evento organizzato dalla Best Eventi con il patrocinio del Comune di Roseto degli Abruzzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 12 =