sabato , 23 febbraio 2019
Home » Culture » Cultura » Nuovo incontro del Ccet in biblioteca: “Andrea Pazienza, il mio nome è Pentothal” con Luigi Di Fonzo

Nuovo incontro del Ccet in biblioteca: “Andrea Pazienza, il mio nome è Pentothal” con Luigi Di Fonzo

Montesilvano

A distanza di 30 anni dalla sua scomparsa, il ricordo del geniale fumettista Andrea Pazienza, originario di Pescara e formatosi proprio nella città adriatica, vivrà nelle parole dello scrittore e giornalista Luigi Di Fonzo sabato 23 giugno, dalle ore 18, all’interno della biblioteca comunale di Montesilvano ‘E. Agostinoni’.
Di Fonzo, attraverso il suo libro “Andrea Pazienza, il mio nome è Pentothal”, edito da Ianieri,
prende spunto da quei disegni, così pieni di estro e fantasia, per ricavarne uno spaccato di anni turbolenti fatti di movimenti giovanili rivoluzionari e di una classe universitaria tradita da un sistema politico corrotto e dai più classici riferimenti culturali. E pur essendo un prodotto profondamente radicato in quel contesto storico, quello dei cosiddetti “Anni di piombo”, con “Pentothal” Andrea Pazienza anticipa il tema del sentimento “privato” e dell’isolamento dell’artista, che negli anni Ottanta esploderanno con il cosiddetto “riflusso”.
A quarant’anni circa dalla realizzazione e della pubblicazione delle prime tavole di Andrea Pazienza sulla rivista “Alter Alter”, “Il mio nome è Pentothal” ripercorre la storia dell’alter ego di Pazienza e torna a far vivere quegli anni controversi attraverso gli occhi di un sognatore “con i piedi fortemente radicati nelle nuvole”, aggiungerebbe Ennio Flaiano. Il lavoro del giornalista pescarese Luigi Di Fonzo, insieme all’amico e collega Pierpaolo Di Simone, non vuol soltanto rendere omaggio a un genio venuto a mancare troppo presto, ma anche rivivere gli anni di una generazione – quella comunemente chiamata “Movimento del ’77” – isolata e tradita, sia dalla politica che dalla cultura “ufficiale”.
In un periodo compreso tra l’estate del 1976 e i primi mesi del 1977, Andrea Pazienza (San Benedetto del Tronto 1956 – Montepulciano 1988) cominciò a disegnare “Le straordinarie avventure di Pentothal”, la storia di un talentuoso artista ventenne, studente a Bologna, diviso tra i sogni creati dalla sua immaginazione, i disagi della vita universitaria e le turbolenze del Movimento bolognese. Una vera e propria autobiografia a fumetti, la “prima, splendida e insuperata opera d’arte di Andrea Pazienza”, come la definì Oreste Del Buono, il direttore delle riviste Linus e Alter che nel marzo del 1977 iniziò la pubblicazione delle prime tavole. Il successo fu immediato. Pazienza venne acclamato come il caposcuola del nuovo fumetto italiano, e Pentothal, oltre a diventare un’icona del Movimento del ’77, divenne anche “il romanzo di formazione di un’intera generazione”, per usare le parole del critico Felice Cappa.
L’incontro, promosso e curato dal ‘Comitato Cultura e Territorio’, al suo quinto appuntamento da maggio e finalizzato alla valorizzazione della biblioteca comunale, è aperto a tutti, con ingresso gratuito.

Guarda anche

Pescara Creative Class: al via da giovedì corsi gratuiti per under 35

Al via da giovedì corsi gratuiti per under 35 di foto, video, animazione, fumetto, illustrazione, grafica, scrittura, editoria con professionisti nazionali. Di Iacovo e Santroni: “E’ la forza di Pescara Creative Class”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × tre =