mercoledì , 17 ottobre 2018
Home » Focus » Cronaca » Venditori abusivi: a Montesilvano sequestrati quasi 6000 articoli

Venditori abusivi: a Montesilvano sequestrati quasi 6000 articoli

Smantellato accampamento abusivo sul lungofiume

Montesilvano – Prosegue l’azione di contrasto all’abusivismo commerciale condotta dalla polizia municipale di Montesilvano in collaborazione con la Capitaneria di Porto. Nel weekend, due pattuglie della polizia locale, insieme a due operatori della Guardia Costiera, sulla spiaggia della zona dei grandi alberghi hanno posto sotto sequestro 6 carretti e un ombrellone trasformati in negozi ambulanti di costumi e accessori e un carretto per la vendita di granite. Quasi 6000 i pezzi sequestrati tra costumi, bandane, vestiti, pezzi di bigiotteria, borsette, orologi, cerchietti e fermacapelli, collane, ventagli, cappelli, occhiali e ricaricatori portatili per batterie.

«La costanza e la perseveranza sono due armi potenti  –  sottolinea l’assessore alla polizia locale, Valter Cozzi –  per contrastare in maniera decisa l’abusivismo commerciale. Nel corso del weekend i nostri operatori hanno condotto un’importante operazione che ha portato al sequestro di quantitativi significativi. Sono state sequestrate anche scarpe e borse contraffatte. Un plauso va alla Polizia Municipale e alla Guardia Costiera che stanno fornendo un prezioso servizio in favore della collettività, a tutela di chi rispetta le regole. Non abbasseremo la guardia e continueremo anche nelle prossime settimane ad avere come priorità il contrasto al fenomeno dell’abusivismo commerciale, senza fare sconti a nessuno».

Una seconda azione è stata condotta nella zona del lungofiume Saline dove la polizia locale e la guardia costiera, con l’ausilio della ditta Formula Ambiente, hanno smantellato un accampamento abusivo, allestito da una coppia che si è subito allontanata. Sul posto sono stati recuperati e rimossi rifiuti organici, elettronici e ferrosi.

Guarda anche

Pescara fugge un montone, la P.M lo restituisce al proprietario

Polizia Municipale restituisce un montone al legittimo proprietario. Teodoro: “Si era allontanato dalla stalla, rintracciato grazie al microchip. Da revisionare il regolamento comunale per allargare la tutela ad altri animali oltre quelli domestici"    

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − nove =