giovedì , 13 agosto 2020
Home » Focus » Meteo » Pescara, prorogata a domani l’ordinanza di sospensione delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado

Pescara, prorogata a domani l’ordinanza di sospensione delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado

“Siamo consapevoli dei disagi che questa scelta comporterà – così il sindaco Marco Alessandrini– 

Ci preme però, come accaduto stamane, dare priorità alla sicurezza e dunque abbiamo deciso di prorogare a domani la chiusura, per il perdurare dell’allerta meteo arancione diramata dalla Protezione Civile Regionale e per permettere il controllo delle strutture scolastiche da parte dei nostri tecnici e di quelli della Provincia sulle scuole superiori, dopo la perdurante pioggia che va avanti da ieri sera e considerato che alcune strade sono ad ora impraticabili. Saranno chiusi anche i parchi e giardini comunali. Tra un’ora l’ordinanza sarà pubblicata sul sito e sui nostri canali social.

Pescara è stata colpita da un volume eccezionale di acqua caduto nella giornata di oggi sul suo territorio e i bollettini diramati dal Centro Funzionale della Protezione Civile regionale prevedono ancora precipitazioni abbondanti anche nelle prossime ore. Una situazione che stamane ha portato il CFAbruzzo ad aumentare ad arancione il livello di allerta anche per la nottata di oggi e la mattinata di domani, mattinata che verrà impiegata, come annunciato, per effettuare dei sopralluoghi negli edifici scolastici, al fine di controllare se si sono verificati danni”.

Guarda anche

Maltempo, il governo nega il riconoscimento dello stato di emergenza per la grandinata di luglio scorso

Pescara - Il Dipartimento di Protezione Civile ha notificato alla Regione Abruzzo il diniego al riconoscimento dello Stato di emergenza, e quindi di contributi statali, per i danni provocati dalla eccezionale grandinata del 10 luglio scorso. Secondo la Protezione Civile, nonostante i plurimi sopralluoghi effettuati nei comuni maggiormente colpiti, i danni riscontrati possono e devono essere affrontati con le ordinarie risorse degli Enti locali interessati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × due =