sabato , 30 maggio 2020
Home » Focus » Meteo » Maltempo: allerta gialla in Abruzzo per il 30 e 31 ottobre

Maltempo: allerta gialla in Abruzzo per il 30 e 31 ottobre

L’Aquila – Dopo l’eccezionale ondata di maltempo che ha colpito la nostra regione nei giorni scorsi, il Centro Funzionale d’Abruzzo della Protezione Civile, tenuto conto delle previsioni per le prossime ore che vedono un miglioramento delle condizioni meteo rispetto ai giorni precedenti, ha provveduto ad emettere per le giornate di oggi, martedì 30 e di domani, mercoledì 31 ottobre 2018, un’allerta GIALLA per rischio idrogeologico localizzato su tutta la Regione.

Nello specifico, l’allerta emessa è relativa alla possibilità di innesco di fenomeni franosi, instabilità dei versanti e cadute massi, in considerazione delle piogge registrate e di quelle, seppur deboli, previste per le prossime ore sui settori appenninici della Regione.

Il responsabile del Centro Funzionale, Antonio Iovino, rammenta che “è ancora in corso un avviso di condizioni metereologiche avverse relativo al possibile verificarsi di fenomeni temporaleschi, vento forte e possibili mareggiate sulle coste esposte”.

La Sala operativa ed il Centro funzionale continuano a seguire l’evoluzione dei fenomeni attraverso il sistema del volontariato di protezione civile, la rete radar meteo e la rete regionale in telemisura. Intanto, il sottosegretario alla Presidenza della Regione, con delega alla Protezione Civile, Mario Mazzocca, ha invitato i sindaci abruzzesi a predisporre e attuare tutte le misure previste dai piani di emergenza e di vigilare il territorio, invitando a monitorare le zone in cui sono presenti movimenti franosi. Le norme comportamentali e di autoprotezione per i cittadini sono consultabili sul sito web allarmeteo.regione.abruzzo.it alla sezione Allerte e segnalazioni

Guarda anche

Maltempo, il governo nega il riconoscimento dello stato di emergenza per la grandinata di luglio scorso

Pescara - Il Dipartimento di Protezione Civile ha notificato alla Regione Abruzzo il diniego al riconoscimento dello Stato di emergenza, e quindi di contributi statali, per i danni provocati dalla eccezionale grandinata del 10 luglio scorso. Secondo la Protezione Civile, nonostante i plurimi sopralluoghi effettuati nei comuni maggiormente colpiti, i danni riscontrati possono e devono essere affrontati con le ordinarie risorse degli Enti locali interessati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + 20 =