domenica , 21 luglio 2019
Home » Polis » Città » Cepagatti, randagismo: Fiucci (M5s) scrive a Prefetto e Anticorruzione

Cepagatti, randagismo: Fiucci (M5s) scrive a Prefetto e Anticorruzione

Cepagatti – Una diffida inviata al sindaco di Cepagatti, Gino Cantò, e, per conoscenza, anche al Prefetto di Pescara, Gerardina Basilicata, e all’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac). Il documento è del consigliere comunale Daniele Fiucci (M5s) che chiede al primo cittadino di rispondere entro due giorni ad un’interpellanza a risposta scritta che, fa sapere lo stesso Fiucci, “non ha mai ricevuto risposta, nonostante siano passati i termini previsti dalla normativa di riferimento”.

Oggetto dell’interpellanza, presentata lo scorso 20 settembre, sono i ‘Contributi per prevenzione e controllo randagismo’.

“Con una delibera del 2011 – ricostruisce Fiucci – veniva autorizzato il servizio di Polizia Locale a concedere in adozione i cani di proprietà del Comune a fronte di un contributo di 1,326 euro al giorno per esemplare ad una onlus, con un spesa complessiva di 46mila euro. Nel 2015 è stata approvata una nuova convenzione, con l’aumento dell’onere per singolo cane da 1,326 a 2,30 euro e per il 2016 sono state impegnate risorse pari a 67.160 euro, per un totale di 80 cani. La previsione di spesa per il 2017 è di 67.100 euro, sempre per 80 cani. Dal 2011 al 2018 gli esemplari sono passati da 95 ad 80″.

Per avere chiarimenti sulle convenzioni e sulle procedure, Fiucci aveva presentato un’interrogazione a risposta scritta. “Trascorsi i 30 giorni previsti dalla legge – dice il consigliere – dal sindaco non abbiamo avuto nessuna notizia. Lo scorso 23 ottobre ho protocollato un sollecito rivolto al primo cittadino e al segretario comunale e ieri ho inviato una comunicazione al presidente del Consiglio comunale. In conclusione, non mi è stato consentito di inserire la risposta all’interpellanza tra i punti all’ordine del giorno della prossima seduta”.

“Di conseguenza, in base a quanto previsto dal regolamento comunale e dalle leggi dello Stato di riferimento – sottolinea – stamani abbiamo inviato la diffida, perché quando si amministra una comunità il rispetto delle regole è alla base di tutto. Non so se il sindaco risponderà entro i due giorni previsti, ma una cosa è certa: episodi come questo non devono più accadere. Avevamo promesso un cambiamento per Cepagatti e il cambiamento – conclude Daniele Fiucci – parte anche dal rispetto delle regole e dalla trasparenza di chi amministra”.

Guarda anche

Maltempo e danni: a Pescara il M5S chiede una proroga per le richieste di risarcimento

Pescara, 15 Luglio 2019 – Dopo la straordinaria ondata di maltempo che lo scorso 10 luglio ha colpito la città di Pescara e le zone limitrofe, il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle presente in Comune, in seguito alla pessima gestione dell’emergenza da parte dell'amministrazione Masci, chiede che almeno in questa fase successiva si possa andare incontro alle necessità dei cittadini pescaresi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 3 =