mercoledì , 23 ottobre 2019
Home » Culture » Turismo » Parte dall’Aeroporto d’Abruzzo l’idea per la costituzione di un coordinamento con gli scali di Ancona e Perugia

Parte dall’Aeroporto d’Abruzzo l’idea per la costituzione di un coordinamento con gli scali di Ancona e Perugia

Pescara – Se è vero che l’unione fa la forza, il progetto ha tutte le carte in regola per poter decollare. Stiamo parlando dell’idea lanciata questa mattina a Pescara, a margine di un incontro informale che ha coinvolto i rappresentanti degli Aeroporti di Pescara, Ancona e Perugia. Presenti il Presidente della Saga Enrico Paolini, il Presidente di Perugia Aiport Ernesto Cesaretti e, in qualità di uditore delegato dalla Regione Marche per lo scalo di Ancona, il Direttore Regionale Trasporti ed Infrastrutture, Nardo Goffi. 

L’idea, è quella della costituzione di un coordinamento tra i tre scali del centro – Italia, tre regioni legate non solo dalla vicinanza geografica, ma anche dalla spiacevole esperienza del terremoto, che si uniscono per avere maggiore forza nel chiedere al Governo una serie di interventi a supporto, di tipo economico ed anche organizzativo.

Tra le priorità emerse: l’esigenza dell’intensificazione dei rapporti tra le tre Regioni ed il coordinamento con i rispettivi Aeroporti, l’apertura di un tavolo di confronto con il Governo al fine di ottimizzare i finanziamenti centrali verso le Regioni, la condizione che ogni Regione debba avere almeno un Aeroporto regionale e l’esigenza di un rapporto preferenziale tra scali presenti in territori colpiti duramente dal terremoto. negli ultimi anni.

Non ultimo, è emersa la necessità di seguire una prospettiva strategica dei tre Aeroporti, in previsione della saturazione dei grandi scali prevista nei prossimi 10 anni, che pone l’esigenza di puntare sui piccoli scali, che rappresentano il futuro.

Guarda anche

FIAB conclude in Abruzzo l’edizione 2019 della Bicistaffetta

450 km in bicicletta lungo la parte centrale della Ciclovia degli Appennini per promuovere la rete ciclabile Bicitalia e il cicloturismo, anche nei territori colpiti del terremoto. Lungo il percorso, in programma numerose attività di sensibilizzazione attraverso incontri con le comunità locali e i rappresentanti delle istituzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − cinque =