venerdì , 22 febbraio 2019
Home » Focus » Cronaca » Atri, lanciato un uovo contro il ministro Salvini, ma va a colpire una casalinga
Salvini ad Atri insieme alla signora colpita dall'uovo

Atri, lanciato un uovo contro il ministro Salvini, ma va a colpire una casalinga

“Imbecille che atto rivoluzionario” ha commentato il leader della Lega

Atri – È accaduto in fretta, nel pomeriggio di ieri mentre il ministro parlava al pubblico sul palco nel comizio elettorale in piazza, il pubblico si è accorto che da un ala della folla era accaduto qualcosa, una donna era stata colpita da un uovo, Matteo Salvini ha reagito esclamando “Chi è quel coglione? Mia nonna mi faceva l’uovo sbattuto ma se ne avessi tirato uno mi avrebbe tirato due schiaffoni”.
La donna una casalinga è stata poi invitata sul palco dove il ministro ha chiesto scusa per l’accaduto. Pare che l’autore del gesto non sia stato identificato.
Contestazioni (anche se silenti e pacifiche) erano già avvenute nella mattina di ieri,  alcuni cittadini atriani avevano creato un’installazione artistica nella piazza del duomo dove sarebbe avvenuto il comizio, installazione che è stata rimossa prima del comizio.

 

Salvini e le uova …che frittata!

Quella di ieri non è la prima avventura ad aver visto coinvolto Salvini con lanci di uova, anche se dall’altra parte della barricata molti anni fa era il giovane leghista a lanciare uova contro i potenti “ma non mi ha colpito, diciamo” così Massimo D’Alema aveva commentato il gesto di Salvini che 19 anni  fa venne condannato a 30 giorni  per oltraggio a pubblico ufficiale per avergli tirato contro le uova durante un comizio a Milano.

E ancora nel 2015 se la prese con l’allora ministro dell’Interno Angelino Alfano: “Alfano dice che io posso parlare ovunque ma vorrei poterlo fare senza schivare ogni giorno uova e sassi e che le migliaia di agenti impiegati per tutelare chi viene ai nostri comizi fossero altrove ad arrestare delinquenti e spacciatori. La verità è che lui è il peggior ministro dell’Interno della storia italiana”, allora per timore di rappresaglie aveva rinunciato a una passeggiata a Pisa “Non auguro a nessuno di dover schivare petardi, sassi, uova lanciati da quattro disadattati da rieducare. Qualcuno lo denunciamo, che dite?”. aveva scritto all’epoca dei fatti in un post su facebook Salvini.

Il post di Salvini pubblicato nel 2015 dopo i fatti di Pisa

Guarda anche

Controlli ambientali della guardia costiera di Giulianova: sequestrato un deposito incontrollato di rifiuti pericolosi

Giulianova - Continua l’attività di controllo del territorio condotta dalla Guardia Costiera di Giulianova, finalizzata a prevenire l’inquinamento marino dovuto ad illecite immissioni di elementi inquinanti nelle aste fluviali che insistono nel territorio teramano e che portano al mare: il personale del Nucleo di polizia ambientale del comando giuliese, infatti, congiuntamente a personale dell’ARTA Abruzzo-distretto di Teramo, ha eseguito il sequestro di un sito ove è stata accertata la presenza di un deposito incontrollato di rifiuti pericolosi, all’interno di uno stabilimento industriale operante nell’hinterland del Comune di Campli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci + 8 =