domenica , 18 agosto 2019
Home » Culture » Turismo » Aeroporto d’Abruzzo: passeggeri in aumento e nuovi voli

Aeroporto d’Abruzzo: passeggeri in aumento e nuovi voli

L’Aeroporto d’Abruzzo chiude il mese di gennaio con un incremento del 5% rispetto al 2018. Confermate le nuove rotte previste da aprile

L’Aeroporto Internazionale d’Abruzzo chiude il mese di gennaio 2019 con 42.952 passeggeri, dato che rappresenta una crescita percentuale del volume di traffico pari al 5% in più rispetto ai numeri registrati nello stesso mese del precedente anno, che si era chiuso con 40.857 transiti.

Un incremento del traffico passeggeri, gestito da Saga, che ben si inserisce nel più ampio contesto nazionale, in linea con il trend di crescita degli aeroporti italiani e che lascia ben sperare anche per i prossimi mesi che precedono la stagione estiva, dimostrando la capacità dello scalo pescarese.

A contribuire alla crescita dell’Aeroporto abruzzese e rendere, quindi, appetibile ai passeggeri la scelta dello scalo, il variegato ventaglio di collegamenti aerei in arrivo e partenza, che si arricchisce con nuovi voli in aggiunta a quelli già consolidati.

Si comincia con Praga il 1 aprile, a bordo di Rayanair. Due voli settimanali, il lunedì ed il venerdì, per raggiungere la capitale della Repubblica Ceca in circa un’ora e quaranta di volo.

In calendario, anche due rotte esclusive Sicilia e Sardegna con i voli Palermo e Cagliari, gestiti dalla compagnia Volotea. Si comincia con Palermo il 9 aprile con due voli settimanali, il martedì ed il sabato nei mesi di aprile e maggio, mentre da giugno si volerà il martedì ed il venerdì. Il 31 maggio, poi, sarà la volta di Cagliari, con il volo bisettimanale il lunedì ed il venerdì.

Guarda anche

Turismo in Abruzzo i dati bocciano la regione: Confartigianato: “Urge un cambio di rotta per risollevare l’economia abruzzese”

Pescara, 12 luglio – Superano i 6 milioni le presenze turistiche in Abruzzo, nel corso dell’anno 2018, con un’incidenza sul valore complessivo nazionale pari all’1,5%. Ampio il distacco dalle prime tre regioni italiani, che oltrepassano i 40 milioni di presenze: medaglia d’oro al Veneto (con 69.229.094 presenze e un’incidenza del 16,1%), a seguire la Toscana (11,1% e 47.618.085 presenze) e al terzo posto l’Emilia Romagna (9,5% e 40.647.799 presenze). Sono oltre il 50% gli stranieri che visitano il Belpaese, ma a quanto pare la loro scelta non tende a privilegiare l’Abruzzo: solo il 13,7% del totale nazionale trascorre le vacanze nella regione verde d’Europa, mentre gli stranieri superano i due terzi nella Provincia Autonoma di Bolzano (69%) e in Veneto (67,7%), e oltrepassano la metà in Lombardia, Lazio, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Sardegna e Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 1 =