venerdì , 15 novembre 2019
Home » Passioni » People » Apre il Centro di Documentazione LGBTI+ “De Sterlich” di Arcigay Chieti

Apre il Centro di Documentazione LGBTI+ “De Sterlich” di Arcigay Chieti

Chieti – Apre il 1 marzo 2019 il Centro di Documentazione LGBTI+ “De Sterlich” di Arcigay Chieti. Un luogo dove trovare libri, articoli, riviste, DVD, ecc… riguardarti il mondo LGBTI+ Il Centro di Documentazione “De Sterlich” vuole essere uno spazio di valorizzazione e salvaguardia della memoria e della cultura del movimento LGBTI+ che crei un patrimonio di conoscenze fruibile da tutti e tutte con l’obiettivo di arricchire la proposta culturale della nostra città e provincia.

Proprio per questo motivo abbiamo deciso di dedicare il centro di documentazione a Romualdo De Sterlich, noto filosofo teatino, che, con l’intento di creare un luogo di condivisione culturale, fondò nella nostra città una biblioteca aperta al pubblico. Nella Chieti del Settecento tale biblioteca, ora perduta, diede vita a un momento di rottura con il clima intellettuale circostante, diventando uno dei centri più attivi del rinnovamento culturale abruzzese. Il centro di documentazione “De Sterlich” è aperto ogni primo venerdì del mese dalle ore 18:00 alle 20:00 oppure su prenotazione alla mail chieti@arcigay.it
Invitiamo tutta la cittadinanza a contribuire alla crescita del nostro centro di documentazione donando libri, tesi di laurea, riviste, documenti, CD, DVD, o altro materiale.Per donazioni, contributi e info: chieti@arcigay.it
Di seguito il link con l’elenco dei documenti consultabili

Guarda anche

SPOLTORE PRONTA A CONFERIRE LA CITTADINANZA ONORARIA A LILIANA SEGRE

Spoltore - Il comune è pronto a conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. “Sta accadendo qualcosa di inquietante e vergognoso in Italia” sottolinea con preoccupazione il sindaco Luciano Di Lorito. “Noi vogliamo sentirci estranei a tutto questo, perché esprimersi su certi valori non può essere paragonato ad assumere una posizione politica. La lotta al razzismo, alla xenofobia e a tutte le forme di discriminazione sono un prerequisito per partecipare a qualsiasi dibattito pubblico, anzi aggiungerei a tutte le forme di vita civile e all’interno di una qualsiasi comunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 17 =