venerdì , 24 maggio 2019
Home » Polis » Regione Abruzzo » Rischio idrogeologico: Marsilio a Palazzo Chigi incontra Conte

Rischio idrogeologico: Marsilio a Palazzo Chigi incontra Conte

L’ AQUILA

Questa mattina a Palazzo Chigi si è tenuto un incontro tra i Presidenti della Regioni e il Presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte, che ha illustrato i contenuti del Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico, il piano di riparto dei fondi tra le Regioni. Alla Regione Abruzzo è stata assegnata una disponibilità finanziaria di poco più di 200 milioni di euro, al fine di attivare il Piano degli interventi urgenti conseguente alle eccezionali avversità atmosferiche del Gennaio 2017, a seguito delle quali fu dichiarato lo stato di emergenza nazionale. Nel corso dell’incontro, il Presidente Marsilio ha sottoposto al Presidente Conte anche la non procrastinabile necessità di reperire i fondi, pari ad almeno 15 milioni di euro, per il riconoscimento dei danni derivanti dagli eccezionali eventi meteo risalenti ad Ottobre 2018. Il Dipartimento si è impegnato a sollecitare l’Unione Europea per la concessione del fondo di solidarietà. Inoltre è stato sollecitato il Governo a garantire la copertura finanziaria per gli interventi urgentissimi a risoluzione delle criticità idrogeologiche nei territori colpiti dal sisma 2016/2017, senza i quali è impossibile procedere alla ricostruzione. Il Presidente Conte ha assicurato che domani incontrerà il Sottosegretario Crimi ed affronterà la questione.

Guarda anche

Gran Sasso, Marcozzi (M5S) “inutile chiedere impegno al Governo già al lavoro”

L'Aquila - “La scelta del Movimento 5 Stelle di astenersi dal votare qualsiasi documento in merito alla questione Gran Sasso è molto semplice: il Consiglio Regionale sta chiedendo al Governo di occuparsi di un problema di cui si sta già occupando. Ieri sera, al termine di una riunione, sia il Ministero dei Trasporti che Strada dei Parchi hanno rilasciato dichiarazioni che vanno nella direzione da tutti sperata. È stata scongiurata la chiusura del tratto autostradale dell’A24. Inoltre si sta già lavorando per salvaguardare sia la salubrità dell’acqua che il lavoro di un istituto di ricerca, l’INFN, del quale non possiamo fare a meno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 1 =