lunedì , 25 marzo 2019
Home » Passioni » People » «La musica per me», una canzone scritta dagli scolari della Silone

«La musica per me», una canzone scritta dagli scolari della Silone

Il progetto di Simone Pavone presentato questa mattina in Comune

Montesilvano – «La musica è un’amica che mi insegna ad ascoltare, per conoscere e cambiare e ragionare con il cuore», è la prima strofa della canzone «La musica per me», scritta dai bambini delle classi quarta e quinta della scuola elementare Saline, diretta da Adriano Forcella. Il brano, risultato di un approfondito lavoro di preparazione da parte del musicista e compositore Simone Pavone, è stato presentato questa mattina in aula consiliare davanti ai genitori e alla presenza delle maestre e del vicesindaco Ottavio De Martinis.

«Ho chiesto loro di scrivere una frase», ha spiegato Simone Pavone presentando la canzone, «su quello che per gli alunni può rappresentare la musica. Sono stati bravissimi, ho dovuto cambiare solo poche virgole e qualche parola per questioni di metrica. Ho trovato terreno fertile, devo aggiungere, grazie al lavoro eccellente delle maestre».

«Questi progetti musicali non sono fini a se stessi», ha aggiunto De Martinis, «La musica è un veicolo per fornire messaggi importanti a tutti e quando questi messaggi vengono dati da coloro che rappresentano il nostro futuro, di certo ci rende felici e fiduciosi. Noi, come amministrazione, saremo sempre vicini a questi progetti, alle nostre scuole e, soprattutto, ai genitori perché sappiamo bene quanto importante e difficile è il loro compito. Un grazie, dunque, a Simone Pavone, al direttore Forcella, agli insegnanti e, soprattutto, ai bambini con l’augurio che possano crescere nei valori dell’amicizia, della libertà e della socializzazione».

Guarda anche

Campagna di comunicazione contro la prostituzione: Arcigay e Mazì “Il comune di Montesilvano utilizza insulti sessisti”

Pescara - “Non mandare a PUTTANE la tua vita, salute, famiglia e dignità” Questo è lo slogan del convegno per combattere la prostituzione organizzato orgogliosamente ieri 10 marzo 2019 dal comune di Montesilvano. Ma cosa si nasconde dietro quella frase? Un mondo di misoginia e di insulti sessisti così ampiamente interiorizzati nella morale comune da far passare in sordina il dirompente effetto maschilista e sessista racchiuso in quelle parole. Parole che minano proprio la dignità che si erano prefissati di preservare”.  Così in una nota stampa Arcigay Chieti – Sylvia Rivera ; comitato territoriale Arcigay di Chieti e Pescara insieme a Mazì Pescara – associazione affiliata Arcigay, criticano duramente una campagna di comunicazione del comune di Montesilvano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + venti =