giovedì , 20 giugno 2019
Home » Focus » Ambiente » A Montesilvano si amplia il “porta a porta” e arrivano 5 nuove isole ecologiche

A Montesilvano si amplia il “porta a porta” e arrivano 5 nuove isole ecologiche

Montesilvano – Approvato il bilancio, arriva l’annuncio di 2 nuove zone dove verrà attivato il porta a porta e l’installazione di 5 nuove isole ecologiche. Il servizio di raccolta domiciliare verrà introdotto su via Vestina (nel tratto compreso tra il confine con Cappelle sul Tavo e via Tamigi) e su via Verrotti (dal confine con …

Montesilvano – Approvato il bilancio, arriva l’annuncio di 2 nuove zone dove verrà attivato il porta a porta e l’installazione di 5 nuove isole ecologiche.

Il servizio di raccolta domiciliare verrà introdotto su via Vestina (nel tratto compreso tra il confine con Cappelle sul Tavo e via Tamigi) e su via Verrotti (dal confine con Pescara fino a via Di Giovanni). Nei prossimi giorni nelle aree interessate saranno consegnati i mastelli domestici che sostituiranno gradualmente i bidoni stradali. A ogni utente oltre al kit dei cassonetti, verrà consegnato il calendario e un piccolo manuale per il corretto conferimento.

«In questi anni – dichiara il sindaco Francesco Maragno – abbiamo lavorato tanto, cominciando dalla risoluzione di un contratto che era assolutamente fallimentare per il Comune. Abbiamo fatto dei notevoli passi in avanti, grazie a scelte precise e alla collaborazione da parte dei cittadini. Nel marzo 2017 abbiamo introdotto per la prima volta la raccolta porta a porta a Montesilvano colle che ha da subito prodotto risultati eccezionali. L’estensione di questa modalità di raccolta anche nelle zone del PP1 e al confine con Pescara ha ulteriormente potenziato tali risultati, portando la percentuale della raccolta differenziata dall’insufficiente 18%, che abbiamo trovato al nostro insediamento, all’oltre 31% di oggi. Introdurre il porta a porta anche in queste nuove aree darà sicuramente ulteriore impulso a questo progetto.  Siamo consapevoli che chiediamo un cambio di abitudini ai montesilvanesi ma siamo certi che sapranno apprezzare le novità introdotte e  collaboreranno attivamente con l’amministrazione per il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi che ci siamo prefissati».

«I dati che stiamo ottenendo – dichiara Paolo Cilli, assessore all’igiene urbana di Montesilvano – ci dicono che siamo sulla strada giusta. Il rifiuto indifferenziato è in continua diminuzione, i cittadini vedono il maggior decoro nel nostro territorio e capiscono che il cambio che chiediamo nelle loro abitudini domestiche è per il bene di tutti e soprattutto delle future generazioni. Ma c’è anche un’altra novità sul territorio –  annuncia Cilli -. Ieri sono state installate 5 nuove isole ecologiche, attive h 24, che andranno così ad affiancarsi a quella già esistente da oltre un anno, su via Aldo Moro, angolo via Spagna».

 

DOVE TROVARE LE ISOLE

– Piazza Giardino adiacente campo sportivo;
– Via Vestina angolo Via Verdi;
– Piazza Trisi;
– Corso Umberto, Via Idro, adiacente lo svincolo della circonvallazione;
– Via Verrotti direzione sud – nord.

 

Le isole ecologiche sono delle strutture in cui chiunque può conferire i propri rifiuti, correttamente differenziati, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Queste nuove isole, così come il centro di raccolta di via Inn, saranno di supporto per coloro che per vari motivi non riescono o non possono conferire i loro rifiuti secondo il calendario prestabilito. Nelle isole è possibile conferire carta, plastica, vetro, organico e secco residuo (come ad esempio pannolini).

«L’utilità di queste isole ecologiche è evidente a chiunque –  dichiara Nicola della Corina, responsabile per l’Abruzzo del Consorzio Formula Ambiente – basti pensare che quella che abbiamo inaugurato il 5 gennaio del 2018 in via Austria ha finora fatto registrare una media giornaliera di 40 conferimenti per un totale complessivo di 15.720 conferimenti (di cui il 20% di secco residuo, 30% organico, 10% vetro, 20% carta e il restante plastica e lattine). Ogni isola è dotata di riconoscimento dell’utente attraverso la tessera sanitaria ed è controllata attraverso un sistema di video sorveglianza per evitare abbandoni e vandalismi.

«Il nostro percorso non si conclude qui –  annuncia il primo cittadino –. In via Nilo, entro aprile sorgerà il primo centro del riuso, un luogo dove potranno essere portati materiali e oggetti che per qualcuno non sono più utili, ma che lo possono diventare per altri, con il fine di evitare che oggetti che hanno ancora un valore vadano a finire in discarica aumentando i costi della raccolta e dello smaltimento per gli utenti. Entro la fine dell’anno, inoltre, verrà realizzato anche il secondo centro di raccolta del territorio a Montesilvano Colle».

Guarda anche

Montesilvano gli oleandri della Strada parco invasi da parassiti. La denuncia delle associazioni

Montesilvano - “Vi ricordate i 2 km di oleandri sfregiati della Strada Parco a Montesilvano su cui la nostra associazione fece una dura battaglia a metà marzo. Bene (anzi male). Eccoli rispuntare completamente ricoperti di parassiti! Della serie avevamo ragione a suo tempo! Il nostro Comitato Scientifico aveva previsto che sarebbe accaduto questo. I giovani germogli sarebbero stati deboli, privi di fiori e oltretutto ammalati con parassiti. Ecco il risultato. Belle piante disintegrate per più di 2 km in nome della rottamazione del paesaggio. Il nuovo che avanza! La pulizia ad ogni costo! Alla faccia dei cittadini e degli amanti del verde!” Così il Coordinamento Nazionale per gli Alberi e il Paesaggio con un post che da ieri gira sui social network rende noti gli sviluppi della potatura selvaggia effettuata nei primi giorni di marzo agli oleandri della Strada Parco, il Conalpa si era opposto duramente, seguito nella denuncia dalle associazioni locali Civitas e Saline Marina PP1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − due =