giovedì , 20 giugno 2019
Home » Focus » News » Sisma; Marsilio: 326 alloggi per 1200 sfollati

Sisma; Marsilio: 326 alloggi per 1200 sfollati

Teramo – A breve si provvederà all’acquisto di unità immobiliari al fine di fronteggiare la situazione di emergenza abitativa nei comuni ricadenti nel cratere sismico 2016 e 2017. Il provvedimento riguarda circa 1200 persone che attualmebnte sono ospitate nelle strutture alberghiere convenzionate o in autonoma sistemazione. La notizia è stata comunicata questa mattina dal Presidente …

Teramo – A breve si provvederà all’acquisto di unità immobiliari al fine di fronteggiare la situazione di emergenza abitativa nei comuni ricadenti nel cratere sismico 2016 e 2017. Il provvedimento riguarda circa 1200 persone che attualmebnte sono ospitate nelle strutture alberghiere convenzionate o in autonoma sistemazione. La notizia è stata comunicata questa mattina dal Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, nel corso di un incontro – da egli stesso convocato – con i sindaci interessati.

Saranno disponibili n. 326 alloggi per un importo complessivo di oltre 51 milioni di euro. Il via libera all’acquisto è stato posto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che ha provveduto alla prevista “bollinatura” sullo schema di Ordinanza di Protezione Civile che ha predisposto il provvedimento. Alla riunione di questa mattina, che si è tenuta nella Sala Consiliare della Provincia di Teramo, oltre ai sindaci dei comuni del cratere, hanno partecipato il presidente della provincia di Teramo, Diego di Bonaventura, gli assessori regionali Guido Quintino Liris (aree interne e del cratere), Piero Fioretti (welfare ed enti locali), i consiglieri regionali Piero Quaresimale, Emiliano Di Matteo e Antonio Di Gianvittorio. Presenti all’incontro anche Vincenzo Rivera, responsabile dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei territori colpiti dai terremoti a cavallo tra 2016 e 2017 e i sub-commissari Giancarlo Misantoni e Antonio Iovino, rispettivamente del Genio Civile di Teramo e della Protezione civile dell’Aquila. Nel corso dei loro interventi, i sindaci presenti hanno chiesto al presidente della Regione una accelerazione delle procedurer per la ricostruzione.

Guarda anche

Vandali alle Dune di Ortona. Quad sulle dune e recinzioni a difesa delle rare piante dunali divelte

Un nido di Fratino abbandonato e con uova schiacciate, possibile la mano umana. Gruppo Dune Bene Comune: noi facciamo la nostra parte, comune e forze dell'ordine facciano la loro per il bene comune. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × uno =