giovedì , 18 luglio 2019
Home » Polis » Aziende » Autostrade e annunci di chiusura, la CNA: Abruzzo come il Far West
Saraceni

Autostrade e annunci di chiusura, la CNA: Abruzzo come il Far West

Saraceni attacca: «Regione spaccata a metà. Chi ha il potere di decidere il da farsi?»

PESCARA – «Tra pochi giorni l’Abruzzo sarà spaccato in due, e in tutto questo non si riesce a comprendere quale sia l’autorità in grado di impedire che territorio interno e costa restino privi di collegamenti degni di questo nome per settimane e settimane». Torna a far sentire la propria voce sulla ormai imminente chiusura del traforo del Gran Sasso, amplificando quella del mondo delle imprese, il presidente regionale della CNA Abruzzo, Savino Saraceni: «A poche ore ormai dalla scadenza del 19 maggio, fissata da Strada dei Parchi, la società che gestisce le autostrade A24 e A25, per la chiusura del traforo del Gran Sasso – dice –  in una ridda di minacce di revoche della concessione e annunci di diffide, ad oggi non è dato sapere quale autorità sia davvero in grado di impedire la chiusura, andando oltre gli annunci».

«Se a questo poi si aggiunge l’altrettanto imminente chiusura per lavori di manutenzione straordinaria del viadotto all’uscita del casello di Bussi-Popoli per diverse settimane – aggiunge il presidente regionale della CNA – si coglie in pieno il senso del disastro che ci aspetta: in pratica, i collegamenti tra L’Aquila e la costa saranno possibili solo grazie a una viabilità secondaria da vecchio Far West, più adatta alle diligenze che al traffico di auto e mezzi pesanti. A meno di non doversi sobbarcare decine e decine di chilometri in più di autostrada, con aggravio di costi».

«Mentre in Italia si discute della chiusura dei porti – ironizza Saraceni – forse sarà pure il caso che qualcuno si occupi, più semplicemente, di tenere aperte le autostrade. Va garantita ovviamente la doverosa messa in sicurezza di sistemi idrici, così come la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strutture, ma non si può mettere in ginocchio una regione intera chiudendo tutto, e costringendola così a un salto all’indietro di decenni. Oltretutto, ad essere tagliata in due sarebbe l’Italia intera, vista la funzione di raccordo che le autostrade abruzzesi hanno con la Capitale e la costa tirrenica: dunque, è tempo di decisioni urgenti e indifferibili».

Guarda anche

Tua Day a Lanciano. Approvato il bilancio d’esercizio 2018, presentato il nuovo Cda e Collegio sindacale

A Lanciano, nell’Officina Storica ex Sangritana, si è svolta la quarta edizione del Tua Day, la conventionannuale dell’azienda di trasporti della regione Abruzzo. Oltre ad illustrare i risultati di bilancio, Tua Spa ha presentato il nuovo Consiglio di Amministrazione ed il nuovo Collegio Sindacale e ha illustrato le linee programmatiche sulle quali il management aziendale, in sinergia con la Regione Abruzzo, intende lavorare. All’evento di TUA Spa, oltre al Consiglio di Amministrazione di Tua Spa presieduto da Gianfranco Giuliante, hanno partecipato, tra gli altri, il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, il vice presidente del consiglio regionale, Roberto Santangelo, il sottosegretario alla giunta regionale, Umberto D’Annuntiis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque − 2 =