sabato , 24 agosto 2019
Home » Passioni » People » 5 domande da Carrozzine Determinate agli aspiranti sindaco “c’è stato chi ha bypassato”
Una protesta davanti al municipio di Pescara di Carrozzine determinate

5 domande da Carrozzine Determinate agli aspiranti sindaco “c’è stato chi ha bypassato”

Pescara – Costringere tutti i candidati sindaco per la città di Pescara a parlare di disabilità in campagna elettorale, confrontarsi tra loro, riferirsi alle associazioni di categoria. Questo il grande risultato che l’associazione Carrozzine Determinate ha ottenuto in questa tornata elettorale con le ormai famose “5 domande” che hanno trovato eco anche su portali nazionali, riprese da numerose associazioni e poste anche a candidati sindaco di altre città d’Italia. Anche questa è la strada per costruire una coscienza sociale in tema di disabilità, parlare, confrontarsi, prospettare soluzioni.   

“A fronte di chi ha risposto dettagliatamente alle cinque domande” fa sapere il presidente dell’associazione, Claudio Ferrante “c’è stato di contro chi ha bypassato le stesse come se non fossero state mai poste.

Ma c’e’ anche chi è voluto andare oltre il comunicato stampa chiedendo un confronto direttamente con Carrozzine Determinate. ieri il direttivo dell’associazione ha infatti incontrato il candidato sindaco Carlo Costantini che da un lato ha ascoltato l’esperienza sul campo di un’associazione che da sempre si occupa dei diritti della disabilità e dall’altro ha illustrato fattivamente le sue idee per rendere Pescara una città accessibile. Peba, ufficio per la disabilità, istituzione di una spiaggia pubblica accessibile tra i temi trattati, insieme alla consapevolezza che le prime barriere da abbattere sono quelle culturali con l’impegno di una campagna di sensibilizzazione dell’intera città in questa direzione e del coinvolgimento delle associazioni nelle questioni relative al mondo della disabilità”.

Per l’associazione,molto c’è ancora da fare in una Città come Pescara non solo per l’abbattimento delle barriere architettoniche, ma per i servizi e per la creazione di una cultura della disabilità che renda la città inclusiva e a misura di tutti.

“Bisogna lavorare costantemente per raggiungere questo obiettivo, –commenta Ferrante– non sono sufficienti le mozioni in consiglio comunale se non sono supportate da battaglie vere, schierandosi apertamente dalla parte delle richieste delle persone con disabilità.

Più volte nella ormai terminata legislatura Carrozzine Determinate si è trovata ad interagire con una politica che spesso non ha ascoltato le istanze del mondo della disabilità, chiusa nel suo essere casta, lontana dai problemi reali e quotidiani dei pescaresi con disabilità e delle loro famiglie.

Che i progetti, le idee, le promesse  illustrate da tutti i candidati sindaco diventino delle solide realtà durante la prossima legislatura; l’associazione Carrozzine Determinate sarà lì come sempre a vigilare e a dare battaglia a tutela dei diritti di tutte le persone con disabilità“.

Guarda anche

Ci lascia Iva Polcina, scrittrice e operatrice culturale

È scomparsa all’età di 75 anni Iva Polcina, scrittrice e operatrice culturale. Nata a Capestrano (L'Aquila) nel 1944, ha insegnato in Lombardia e in Liguria ed ha vissuto in Grecia. Ha partecipato a stages teatrali tenuti da Giorgio Albertazzi nella città di Volterra, dal 1996 al 1998. Per la sua attività letteraria ha conseguito premi e riconoscimenti, tra cui il Premio della Giuria del “Fiorino d’Oro”, il Premio “Giorgio Albertazzi”, il Premio Internazionale “Emigrazione” per il libro “Terre di Guerrieri”,  il Premio “Lettera d’Amore” per una lettera d’amore dedicata al Guerriero di Capestrano. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × uno =