martedì , 25 giugno 2019
Home » Passioni » People » Licheri (Si) “Il centro destra non tocchi il mercatino etnico di Pescara”
Daniele Licheri

Licheri (Si) “Il centro destra non tocchi il mercatino etnico di Pescara”

Pescara – “Credo che l’opposizione alla nuova amministrazione debba da subito salvaguardare uno degli esperimenti di integrazione cittadina più interessanti d’Italia. Ogni novità deve necessariamente avere il tempo di ingranare e andare a giusta verifica” Così il Segretario Regionale Sinistra Italiana Abruzzo Daniele Licheri dopo aver saputo che il neo eletto sindaco di Pescara vorrebbe trasferire gli ambulanti del mercatino etnico, dalla stazione nei mercati rionali, un progetto che dopo una settimana dall’inaugurazione ora corre il rischio di essere abrogato .

“Se si vuole continuare a usare i migranti per restare in campagna elettorale permanente il centro destra troverà pane per i suoi denti.” Annuncia Licheri
“Io, il mio partito e il consigliere eletto Giovanni Di Iacovo insieme alla lista Pescara città Aperta, saremo in prima fila a garantire che nessuno tocchi nessuno.
E impensabile che onesti cittadini di Pescara che lavorano vengano trattati come pacchi che possono essere spostati per mere speculazioni propagandistiche.
Per anni Carlo Masci è stato assessore al  comune di Pescara e ha lasciato il vecchio mercatino nell’illegalità e in condizione igienico sanitarie vergognose. Ora che esiste un luogo sicuro e pulito dove e possibile  lavorare bene e poter fare controlli si accorgono che queste persone esistono. La sicurezza sociale passa per la legalità e i diritti e non certo per la repressione”.
Licheri sottolinea come la comunità senegalese ne ha passate già troppe “Masci il nuovo consiglio si occupassero di chi aspetta risposte e non iniziassero subito a fare Robin Hood al contrario togliendo ai poveri per far stare tranquilli i ricchi“.

Guarda anche

Marsilio “al lavoro per un Abruzzo solidale e meno povero”

L'Aquila -  "Un Abruzzo più solidale e meno povero, è quello che vogliamo realizzare. La Regione si propone per dare vita a una cabina di regia che veda protagonista le organizzazioni di volontariato e gli enti del terzo settore e promuova una governance delle politiche sociali. E' una nostra priorità varare un piano anti-povertà regionale che metta insieme fondi regionali, ministeriali e comunitari, che si affianchi a quello nazionale, mirato sul diritto agli alimenti, alla casa ed al lavoro delle persone". Lo ha detto il Presidente della giunta regionale, Marco Marsilio intervenendo oggi al convegno organizzato, a L'Aquila, dalla direzione regionale Inps dal titolo "Il contrasto alla povertà in Abruzzo: Analisi, Sinergie, Progetti".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 2 =