venerdì , 23 agosto 2019
Home » Passioni » People » Licheri (Si) “Il centro destra non tocchi il mercatino etnico di Pescara”
Daniele Licheri

Licheri (Si) “Il centro destra non tocchi il mercatino etnico di Pescara”

Pescara – “Credo che l’opposizione alla nuova amministrazione debba da subito salvaguardare uno degli esperimenti di integrazione cittadina più interessanti d’Italia. Ogni novità deve necessariamente avere il tempo di ingranare e andare a giusta verifica” Così il Segretario Regionale Sinistra Italiana Abruzzo Daniele Licheri dopo aver saputo che il neo eletto sindaco di Pescara vorrebbe trasferire gli ambulanti del mercatino etnico, dalla stazione nei mercati rionali, un progetto che dopo una settimana dall’inaugurazione ora corre il rischio di essere abrogato .

“Se si vuole continuare a usare i migranti per restare in campagna elettorale permanente il centro destra troverà pane per i suoi denti.” Annuncia Licheri
“Io, il mio partito e il consigliere eletto Giovanni Di Iacovo insieme alla lista Pescara città Aperta, saremo in prima fila a garantire che nessuno tocchi nessuno.
E impensabile che onesti cittadini di Pescara che lavorano vengano trattati come pacchi che possono essere spostati per mere speculazioni propagandistiche.
Per anni Carlo Masci è stato assessore al  comune di Pescara e ha lasciato il vecchio mercatino nell’illegalità e in condizione igienico sanitarie vergognose. Ora che esiste un luogo sicuro e pulito dove e possibile  lavorare bene e poter fare controlli si accorgono che queste persone esistono. La sicurezza sociale passa per la legalità e i diritti e non certo per la repressione”.
Licheri sottolinea come la comunità senegalese ne ha passate già troppe “Masci il nuovo consiglio si occupassero di chi aspetta risposte e non iniziassero subito a fare Robin Hood al contrario togliendo ai poveri per far stare tranquilli i ricchi“.

Guarda anche

Ci lascia Iva Polcina, scrittrice e operatrice culturale

È scomparsa all’età di 75 anni Iva Polcina, scrittrice e operatrice culturale. Nata a Capestrano (L'Aquila) nel 1944, ha insegnato in Lombardia e in Liguria ed ha vissuto in Grecia. Ha partecipato a stages teatrali tenuti da Giorgio Albertazzi nella città di Volterra, dal 1996 al 1998. Per la sua attività letteraria ha conseguito premi e riconoscimenti, tra cui il Premio della Giuria del “Fiorino d’Oro”, il Premio “Giorgio Albertazzi”, il Premio Internazionale “Emigrazione” per il libro “Terre di Guerrieri”,  il Premio “Lettera d’Amore” per una lettera d’amore dedicata al Guerriero di Capestrano. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 − 3 =