martedì , 25 giugno 2019
Home » Focus » Ambiente » Nuove concessioni balneari ad Ortona, la Soprintendenza Regionale interviene con limiti e rigide prescrizioni

Nuove concessioni balneari ad Ortona, la Soprintendenza Regionale interviene con limiti e rigide prescrizioni

Comune annulli in auto-tutela la procedura.

Ortona – Dopo le proteste e le diffide delle associazioni ambientaliste riunite in un apposito Comitato “Dune Bene Comune”, la lettera dell’Ufficio parchi della Regione e dopo i primi due ricorsi presentati al TAR Abruzzo da privati anche la Soprintendenza Regionale del Ministero per i Beni Culturali interviene con un parere espresso in una nota del 29/05/2019.
 
Le associazioni avevano richiesto ripetutamente al Comune di Ortona di “tornare sui propri passi” annullando, per vizi di forma e di sostanza, l’avviso pubblico per il rilascio di 8 nuove concessioni balneari oltre alle 2 già esistenti, localizzate nel tratto di costa sabbiosa più naturale ed integro della Regione Abruzzo nel quale non a caso si concentra il maggiore nucleo nidificante del raro Fratino, un uccello tutelato anche da una Direttiva comunitaria.
 
La Soprintendenza con la propria nota conferma la eccezionalità ambientale dell’area delle dune di Ortona, e la necessità di tutelarle e scrive al Comune di Ortona rilasciando un parere autorizzatorio che di fatto impedisce la realizzazione di stabilimenti balneari, seppure temporanei, poiché vieta la posa in opera di qualsiasi struttura anche amovibile nonché qualsiasi allaccio a reti idriche ed elettriche. La bellezza della spiaggia determina, quindi, la necessità di salvaguardare quella peculiare sensazione di trovarsi in un’area naturale. Pensare di farci stabilimenti balneari o similari è nei fatti incompatibile con il mantenimento nelle aree dunali perché servirebbero interventi strutturali anche per garantire quelle  condizioni di igiene e sicurezza tipiche di queste attività di servizi.
 
Per la disposizione degli ombrelloni inoltre, al fine di una maggiore tutela ambientale e paesaggistica, viene imposto un utilizzo del tutto minimale con distanze tra gli stessi non inferiore ai 10 metri, mentre per la pulizia della sabbia è permesso solo l’asporto manuale e senza l’utilizzo di rastrelli.
 
Il parere vincolante espresso dalla Soprintendenza appare quindi come un ulteriore strumento per indicare al Comune una nuova via da percorrere in coerenza con la normativa vigente e con tempi, modalità e criteri più razionali e congrui con le esigenze di tutela e di vera e duratura valorizzazione di una delle ultime spiagge libere dell’Abruzzo.
 
Come gruppo Dune Bene Comune ribadiamo quindi la richiesta al Comune di ritirare in auto-tutela un bando fatto in maniera frettolosa che ha determinato un vero e proprio pasticcio anche per le concessioni “storiche” dove l’assenza di vegetazione dunale e di casi documentati di riproduzione del Fratino non avevano suggerito un intervento e particolari misure di tutela da parte delle Associazioni anche negli anni passati.

Guarda anche

Spiagge accessibili a Montesilvano, verranno riaperte nei prossimi giorni

Montesilvano - Iniziati  lavori per la sistemazione delle spiagge accessibile di Montesilvano, progetto nato nel 2009 grazie alla sensibilità del governo di centrodestra e che pochi mesi fa ha permesso al Comune, per la qualità dei servizi offerti, di conquistare il premio Oscar Ecoturismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 + 5 =