sabato , 14 dicembre 2019
Home » Terza pagina » Cultura » Domani al cinema Massimo la prima di “I guerrieri di OEP”
Un momento delle riprese del film

Domani al cinema Massimo la prima di “I guerrieri di OEP”

Pescara – Un viaggio in immagini e parole che racconta come una malattia infantile entri a sconvolgere la vita delle famiglie. A parlare sono i fratelli e le sorelle dei piccoli che devono sottoporsi alle cure, raccontando il loro punto di vista. Tutto questo è I Guerrieri del Regno di Oep – il reparto di Onco-ematologia pediatrica, documentario girato da Francesco Calandra con la sceneggiatura di Maria Grazia Liguori. Un lavoro nato da un’esperienza che entrambi hanno vissuto in prima persona. Il lavoro è stato presentato per la prima volta attraverso un teaser, in occasione della scorsa edizione della Notte europea dei ricercatori a Chieti.

Appuntamento per la prima del documentario giovedì 28 novembre alle 21 al cinema Massimo (Sala 2), alla presenza degli autori, con dibattito finale moderato da Roberta Mancinelli del TGR Abruzzo. Interverranno i rappresentanti Metamer, fornitore di gas e luce che ha scelto di supportare questa importante causa, sostenendo la realizzazione del documentario.

“Siamo convinti che una società che sviluppa la propria attività economica su un territorio, abbia la responsabilità di contribuire alla sua crescita anche sociale e culturale” commenta Nicola Fabrizio, amministratore delegato di Metamer. Con queste parole si sottolinea l’impegno che l’azienda sta concretizzando sempre di più nel porsi come promotore di iniziative importanti e di rilievo, in termini di responsabilità sociale.

“Nel Regno di Oep capiti all’improvviso e senza preparazione, si entra in apnea, è difficile respirare – come recita la voce narrante dell’attore Luigi Lo Cascio -. Si precipita in un mondo parallelo, non sembra vero che dall’altra parte tutto continui a scorrere incurante. La malattia lacera la madre, soffocandola nel manto della paura, ruba al padre la capacità di proteggere la famiglia, ma la malattia sconvolge anche i fratelli e le sorelle”.

“Osservando la realtà nella quale siamo entrati – commentano gli autori del documentario Francesco Calandra e Maria Grazia Liguori – abbiamo notato come la malattia sconvolga le vite non solo dei ragazzi ricoverati, ma anche dei fratelli e delle sorelle, che si trovano in un mondo, loro malgrado, fatto di sofferenze e privazioni, anche di gelosie. Abbiamo pensato che fosse interessante far raccontare a loro questa realtà, più che ai pazienti stessi o ai genitori”.

Il racconto coinvolge tre famiglie abruzzesi e una molisana. Le riprese sono state effettuate in diversi contesti, soprattutto negli spazi dell’Agbe-Associazione genitori bambini emopatici di Pescara nonché al day hospital e nel reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale civile di Pescara, fino alle abitazioni di alcuni ragazzi. Non mancano location naturali regionali come Campo Imperatore, il parco dei Calanchi di Atri, il parco naturale delle sorgenti del Lavino e il parco eolico di Collarmele. Inoltre, nel film appare un gioco da tavolo per gentile concessione della Fondazione Telethon.

La troupe al completo. I Guerrieri del Regno di Oep – il Reparto di Onco-Ematologia Pediatrica di Maria Grazia Liguori e Francesco Calandra. Con Kevin Ludovico, Arianna Leobruni, Andrea Fagà, Maya Calandra. Con l’amichevole partecipazione di Luigi Lo Cascio nella voice over del Cantastorie. Regia, Francesco Calandra, sceneggiatura Maria Grazia Liguori, direttore della fotografia Luca Travaglini, suono Valerio Spezzaferro, scenografia Roberto Papi, trucco e parrucco Francesca La Sorsa, editing Valerio Spezzaferro, Francesco Calandra, Maria Grazia Liguori, disegno del suono Giuseppe D’Amato, musiche Marcello Allulli, supervisione alle musiche Sandro Naglia, grafica video e color correction Mauro Forte.

Guarda anche

Il Cervellone. Tutti i giovedì e tutte le domeniche allo Stammtisch Tavern di Chieti Scalo

Chieti. Appena partito è già un grandissimo successo di pubblico: “Il Cervellone”, a cura di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 4 =