venerdì , 27 Novembre 2020

Torre del Cerrano: pescatori abusivi ‘pizzicati’ dalla Guardia Costiera. Sequestrate le reti da posta

Giulianova – Non si ferma l’attività di controllo posta in essere dal personale del Circondario marittimo di Giulianova, che di concerto con i suoi Uffici dipendenti ha effettuato, sotto il coordinamento della Direzione Marittima di Pescara, un’attività complessa di controllo in materia di pesca.

Scopo, come sempre, è quello verificare il rispetto delle norme in materia di tracciabilità del prodotto ittico durante l’intera filiera, nonché di quelle vigenti in materia di tempistiche e modalità per svolgere l’attività di pesca, sia essa professionale che sportiva.

Nel corso dell’attività di verifica svolta presso i punti di sbarco, nonché presso gli esercizi commerciali, i punti vendita ed i commercianti ambulanti, sia lungo il litorale di giurisdizione che nell’entroterra, sono state riscontrate 3 violazioni, per un totale di € 2.544,00, con relativo sequestro degli attrezzi da pesca impiegati. In particolare, all’interno dell’Area Marina Protetta “Torre del Cerrano” sono state sequestrate reti da posta abusive che mettevano in pericolo un’area di particolare pregio ambientale.

Nel complesso, si è potuto verificare un adeguato rispetto delle norme negli esercizi commerciali oggetto di verifica e presso i punti di sbarco. L’attività di controllo continuerà comunque nei prossimi mesi quando gran parte della flotta peschereccia dislocata nel  Circondario di Giulianova, che al momento sta osservando il periodo di fermo, riprenderà l’attività in mare. 

Guarda anche

Ucciso nelle campagne di Gessopalena da un colpo di fucile esploso per colpire un cinghiale

Il WWF: «Non si può morire “per errore”. Sempre più lunga la lista degli incidenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + uno =