sabato , 25 Settembre 2021

Ortona, stop definitivo all’impianto GPL da 25.000 mc “Seastock”

SOA e Forum H2O “vittoria dei cittadini e del buon senso

Ortona – “L’abbandono del progetto di GPL “Seastock” a Ortona è una buona notizia, una vittoria di tanti cittadini che si sono opposti ad un’opera invasiva e molto rischiosa. Abbiamo ancora negli occhi quello che è accaduto a Beirut e il potenziale rischio di questo impianto era praticamente simile. L’esplosione di un impianto di GPL in Messico produsse la stessa devastazione” così Stazione Ornitologica Abruzzese e Forum H2O commentano notizia divulgata dal proponente che rappresenta uno stop definitivo ad un progetto che le associazioni definiscono con enormi carenze e che avrebbe comportato enormi rischi per l’ambiente e la città in un porto assolutamente non predisposto, per conformazione e logistica, per accogliere una tale quantità di GPL, ben 25.000 mc. 

“Una vittoria del buon senso che ci ripaga del tanto tempo impiegato a studiare la documentazione, a nostro avviso assolutamente superficiale, e a denunciare procedure non corrette da parte del Comitato V.I.A. della Regione Abruzzo – la Valutazione avrebbe dovuto essere di carattere nazionale e non regionale – e del Ministero dello Sviluppo Economico.
Bene ha fatto il comune di Ortona a schierarsi contro un progetto che avrebbe ostacolato anche l’economia del territorio e le stesse attività portuali attuali e future” Commentano SOA e Forum H2O. 

«Nell’epoca dei cambiamenti climatici, poi, puntare ancora su impianti di fossili è assolutamente deprimente»

La Costa dei Trabocchi hanno commentato SOA e Forum H2O, ha bisogno di tutele e non di progetti faraonici e fuori scala, di attività economiche compatibili con un territorio fragile e vulnerabile ma di enorme valore ambientale e paesaggistico. 

Guarda anche

Calendario Venatorio 2021 in Abruzzo, Pepe (Pd): “Ancora caos sulle preaperture e sull’addestramento e l’utilizzo dei cani”

Teramo – Il Consigliere e Vice Capogruppo Regionale del Pd Dino Pepe ritorna sull’argomento del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 4 =