giovedì , 23 gennaio 2020
Home » Polis » Città » Brutti, sporchi e cattivi: quel marciapiede impercorribile per colpa dei cassonetti

Brutti, sporchi e cattivi: quel marciapiede impercorribile per colpa dei cassonetti

Ma vi è di più purtroppo,  il pedone negli ultimi tempi  ancor più spesso si trova a rinunciare a proseguire in linea diritta a causa di un vero sbarramento dovuto all’incredibile posizionamento di un cassonetto dell’indifferenziata lasciato da tempo a ridosso di: un palo dell’illuminazione, un raccoglitore per le batterie esauste e un bidone per il conferimento dell’organico, a questi elementi che fanno parte dell’”architettura” del luogo, aggiungiamoci anche i rifiuti abbandonati quotidianamente e gli ingombranti in attesa di ritiro per avere una miscela davvero imbarazzante.

Questa vicinanza micidiale unita alla pericolosità di un piccolo fosso che costeggia tutto il marciapiede non dà scelta a chi passeggia, anche il più indomito amante degli afrori della vestina non avendo scelta sarà costretto a percorrere un tratto di strada mentre le auto sfrecciano.

Basterebbe poco

Basterebbe poco, per evitare quell’incredibile disagio perlomeno ai cittadini normodotati, infatti per un disabile come avevamo già segnalato, attraversare quel corridoio è comunque un operazione impossibile, anzi, per chi è costretto su una carrozzina è impossibile percorrere la Vestina sui marciapiedi tranne che per brevissimi tratti. È preoccupante normalità vedere cittadini in carrozzina elettrica mentre percorrono chilometri della via Vestina marciando ai bordi della carreggiata, respirando polvere e smog in un traffico congestionato e nevrotico.

Basterebbe poco davvero per quel blocco dicevamo, da mesi è stato eliminato un cassonetto sulla linea di raccolta, e incredibilmente quello spazio da mesi resta vuoto, ora potrebbe ospitare l’ultimo della fila liberando spazio sul percorso, donando ai pedoni “maggior” libertà di movimento.

Il blocco dovuto all’improbabile posizionamento del cassonetto con attiguo lo spazio vuoto disponibile

Ne avevamo già parlato nel settembre 2016

L’arroganza del cassonetto

Guarda anche

A Montesilvano tombini otturati dopo il ripristino fibra: Di Sante (PRC) “a chi spetta la pulizia?”

Montesilvano – «Incerto il futuro della banda larga a Montesilvano, dopo l’annuncio del Comune di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − 4 =