venerdì , 24 maggio 2019
Home » Focus » News » Ironman 2018, Diodati e Di Carlo: “Infondati gli ennesimi allarmi lanciati sull’acqua”

Ironman 2018, Diodati e Di Carlo: “Infondati gli ennesimi allarmi lanciati sull’acqua”

Pescara

 “Non è diramando allarmi infondati che si aiuta a crescere la città che si dice di amare: nessuna ombra sull’edizione 2018 di Ironman che domani (oggi NdR) vedrà gli atleti sfidarsi nelle competizioni di nuoto, bike run e corsa”. Così gli assessori allo Sport Giuliano Diodati e all’Ambiente Simona Di Carlo sulle polemiche sollevatesi alla vigilia della competizione dopo i forti acquazzoni infatti erano circolate notizie diramate a mezzo stampa sullo stato dell’acqua dove gli atleti cominceranno la gara di triathlon e che gli assessori definiscono del tutto infondate dopo aver chiesto  conferma  ad Aca e Arta  per avere chiarimenti come assicura spiegano anche il percorso della competizione in acqua, che si svolge al largo e perpendicolare alla Nave di Cascella, in un’area che non è interessata da nessun tipo di criticità.

 

“Ci dispiace che la notizia abbia procurato preoccupazione alla vigilia degli atleti, che dovrebbe invece scorrere tranquilla e calma per le prove che gli aspiranti Ironman provenienti da tutto il mondo dovranno affrontare fra poche ore,–avevano commentato Diodati e Di Carlo– così come continua a stupirci il carico di odio verso la città da parte di chi in questi anni non ha fatto altro che agitare i peggiori cataclismi, alla ricerca di una visibilità che di certo non fa bene a Pescara, né a chi la sceglie. Cittadini, turisti, avventori hanno diritto di viverla per tutto quello che offre senza temere i rischi e i pericoli di turno, che sono tali solo nella mente di chi li produce per colpire questa Amministrazione e su cui ci riserveremo di agire ”.  

 

Guarda anche

Carlo Costantini “Apriremo un ufficio dedicato alla disabilità e chiederemo a Carrozzine Determinate di collaborare con l’amministrazione”

PESCARA, - "Una vera città del futuro, come quella che stiamo costruendo, è una realtà a misura di ogni cittadino, una realtà accessibile, priva di barriere architettoniche. L'eliminazione di ogni barriera, da quelle strutturali a quelle culturali, è sinonimo di civiltà ed è la premessa per lo sviluppo del territorio. Si tratta di temi che sono presenti nel nostro programma, questioni da cui non si può prescindere nel progetto di costruzione di una nuova città. Proprio per questo, quando sarò eletto creerò un ufficio dedicato, se non una delega alla Disabilità, e sarò ben lieto di collaborare con le associazioni e con chiunque voglia fornire il proprio contributo". Lo afferma il candidato sindaco per il polo civico 'Faremo Grande Pescara', Carlo Costantini, in risposta all'associazione Carrozzine Determinate Abruzzo, presieduta da Claudio Ferrante che aveva posto 5 domande sulla disabilità ai candidati sindaco per Pescara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dieci − uno =