giovedì , 18 luglio 2019
Home » Polis » Politica » Cepagatti, randagismo: il sindaco Cantò replica al consigliere Fiucci – Documenti

Cepagatti, randagismo: il sindaco Cantò replica al consigliere Fiucci – Documenti

Cepagatti –  Il sindaco Gino Cantò replica a quanto affermato dal consigliere Daniele Fucci (M5S) che nella giornata di oggi rendeva noto di aver presentato una diffida inviata al sindaco di Cepagatti, Gino Cantò, e, per conoscenza, anche al Prefetto di Pescara, Gerardina Basilicata, e all’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac). Fucci lamentava di non aver ricevuto una risposta  alla sua interpellanza dal primo cittadino nonostante fossero passati i termini previsti dalla normativa di riferimento.

Il Primo cittadino replica a quanto affermato dal consigliere rispondendo con l’invio di due documenti protocollati dal municipio con la data di oggi e nei quali il sindaco cerca di ricostruire il quadro della situazione, essendo stato eletto solo nel giugno di questo anno Cantò spiega di non avere elementi di valutazione riguardo a quanto richiesto dal consigliere del Movimento 5 stelle nell’interrogazione.

Malauguratamente nonostante il primo cittadino avesse chiesto già dall’inizio di ottobre delucidazioni al Responsabile di Polizia  locale, non era stato possibile ricevere una risposta celere perchè questi risultava assente per malattia ed è rientrato in servizio solo da due giorni.

Il sindaco sempre nel documento protocollato inoltre ribadisce di aver risposto a tutte le istanze mosse dal consigliere Fiucci precisando che le motivazioni dela ritardo nel rispondergli erano già state comunicate verbalmente nel corso della riunione dei capigruppo del 30 ottobre.

 

I DOCUMENTI

 

 

Guarda anche

Pescara, passaggio di consegne finanziarie di Tesoreria: Alessandrini  “Comune al collasso risanato in cinque anni. Lasciamo conti positivi e niente debiti”

Pescara - Nel pomeriggio di oggi, il sindaco uscente di Pescara Marco Alessandrini, ha proceduto all’avvicendamento formale anche per la Tesoreria dell’Ente. Un passaggio avvenuto in Comune con la verifica straordinaria di cassa e della gestione del servizio di Tesoreria, come il Decreto legislativo n. 267 del 2000 impone, fatta sulla base dei documenti bancari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × uno =