venerdì , 16 novembre 2018
Home » Focus » Ambiente » Viale alberato dell’Altopiano delle Cinquemiglia, dal WWF un appello affinché si ricrei un ambiente naturale

Viale alberato dell’Altopiano delle Cinquemiglia, dal WWF un appello affinché si ricrei un ambiente naturale

In pochi giorni è stato cancellato uno dei luoghi più caratteristici della nostra regione. Circa 70 pini posti ai margini del strada statale 17 nell’Altopiano delle Cinquemiglia in provincia di L’Aquila a oltre 1200 metri di altitudine sono stati abbattuti per questioni di sicurezza, modificando completamente la percezione della piana.

L’attuale versione del codice della strada, recentemente confermata da una sentenza della Corte di Cassazione che ne ha stabilito l’applicabilità anche agli alberi già esistenti, impone per le alberature stradali una distanza di sei metri dal ciglio.

“In questo modo però si rischia di stravolgere la fisionomia di strade e viali alberati –commentano gli attivisti del WWF– che da sempre costituiscono una caratteristica del Bel Paese. Tutelare il paesaggio significa tutelare la storia e la cultura di un luogo e di chi lo abita. Vuol dire preservare la memoria delle scelte compiute nel passato dai nostri avi che spesso sono stati capaci di gestire il territorio con maggiore attenzione e senso del bello di quanto riusciamo a fare noi oggi.

Inoltre, tale misura non sempre determina quella sicurezza in più che la norma vorrebbe ottenere. La totale cancellazione di alberi lungo le strade ha come effetto, infatti, l’aumento della velocità da parte degli automobilisti con il conseguente aumento del rischio di incidenti. Cancellare la storia di un luogo per consentire di mantenere un’andatura elevata, e guadagnare così pochi minuti sui normali tempi di percorrenza, rappresenta una perdita di identità per tutti noi.

Nel caso specifico, poi, la piantumazione di alberi lungo questo tratto della strada statale 17 era stata voluta fin dai secoli scorsi per indicare meglio il tracciato durante le tormente di neve, frequenti nel periodo invernale. L’eliminazione di tutte le alberature provocherà così, oltre alla trasformazione del paesaggio, anche una maggiore difficoltà nell’individuazione della strada in caso di maltempo, determinando così un ulteriore aumento del rischio-incidente”.

“Il danno è stato ormai fatto, ma si potrebbe pensare ad un’azione comune per ristabilire la memoria di questa strada”, dichiara Luciano Di Tizio, delegato del WWF Abruzzo. “Perché non proviamo a pensare come facevano i nostri nonni? Immaginiamo di costruire un percorso di montagna tenendo presente la bellezza dei luoghi che stiamo attraversando e non semplicemente l’esigenza di correre verso la nostra meta lungo una striscia di asfalto. Come WWF lanciamo un appello affinché gli enti competenti lavorino insieme all’Ordine degli Agronomi, all’Ordine degli Architetti e dei Pianificatori e alle Associazioni ambientaliste per ricreare un’alberatura lungo questo tratto della strada statale 17 utilizzando essenze autoctone e mantenendo le distanze che oggi impone la normativa vigente. Sarebbe un bel segnale di attenzione a un territorio e ad un paesaggio straordinari che possono essere un grande attrattore turistico”.

 

Guarda anche

Quintali di rifiuti speciali abbandonati sulla strada a ridosso dell’ex discarica di Villa Carmine

Montesilvano - Quattro grossi sacchi industriali per trasporto rifiuti (big bag) sono stati ritrovati sulla strada perifluviale a ridosso dell'ex discarica di Villa Carmine, abbandonati sul ciglio stradale. Sul posto è intervenuto il personale della Polizia Municipale di Montesilvano e il personale tecnico della Nuovo Saline onlus. Da un’analisi visiva esterna dei colli si tratta di rifiuti pericolosi, presumibilmente originati da un attività di demolizione edile, in particolare si notano guaine bituminose, lana di vetro ed eternit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × quattro =