venerdì , 16 novembre 2018
Home » Polis » Politica » Arrizzemece: Dall’unione di Dc-Udc torna la lista Democrazia cristiana col vecchio simbolo

Arrizzemece: Dall’unione di Dc-Udc torna la lista Democrazia cristiana col vecchio simbolo

È Arrizzemece, la parola chiave dello slogan scelto dai partiti Dc-Udc in unione per la tanto desiderata lista DEMOCRAZIA CRISTIANA che si presenterà alle prossime elezioni in Abruzzo del 10 febbraio 2019.

“Abbiamo scelto il dialetto Abruzzese che è nostro patrimonio culturale e che ci rappresenta appieno anche nel mondo e di cui ne andiamo fieri…per dire Alziamoci … l’ Abruzzo è in ginocchio per le troppe problematiche e il mal governo, la Dc aveva fatto dell’Abruzzo  una regione virtuosa il Ministro Remo Gaspari aveva puntato sulle autostrade, industrializzazione, posti di lavoro e sanità. In fin dei conti siamo tutti democristiani, bisogna tutelare il nostro patrimonio, come il nostro dialetto, ciò che era, bisognava implementarlo non distruggerlo; Risvegliamo le coscienze, e che siano anche coscienze che ricordino i fondamenti della nostra religione Cattolico Cristiana, la rabbia ha fatto dimenticare i veri valori della vita, il populismo a volte conduce all’ odio” Dice Angelica Bianco Segretario Regionale Democrazia Cristiana.

 L’ antico simbolo rinasce dopo 25 anni frutto dell’ accordo tra l’ On.Gianfranco Rotondi e l’ On. Lorenzo Cesa. Alla domanda  come state organizzando la nuova squadra regionale i due segretari regionali Dc- Udc per l’ Udc Enrico Di Giuseppantonio rispondono:” 1/3 saranno “persone nuove”, distintesi per loro qualità morali e lavorative,1/3 saranno d'” esperienza”, poiche ‘ la politica è soprattutto esperienza, 1/3 sara’ di “ritorni a casa” poiché finalmente la casa dei moderati e ‘ Tornata!”. La nuova Democrazia Cristiana sarà la vera novita’ delle prossime regionali e ci riservano altre novità che per il momento non vogliono lasciarsi “scucire”!

Guarda anche

Pescara Marco Presutti entra in Giunta

 Il Sindaco: “Assume anche la delega alla Nuova Pescara per agevolare il percorso della nuova realtà amministrativa”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × quattro =