mercoledì , 16 gennaio 2019
Home » Focus » Cronaca » Abusivismo edilizio, demolito magazzino su via Di Vittorio a Montesilvano

Abusivismo edilizio, demolito magazzino su via Di Vittorio a Montesilvano

Montesilvano – Prosegue l’attività dell’amminiistrazione cittadina in collaborazione con i vigili della polizia municipale di Montesilvano nel contrasto all’abusivismo edilizio.
Questa mattina è stata effettuata la demolizione d’ufficio di una casetta di legno, adibita a magazzino, costruita abusivamente in un’area vicina alle case popolari di via Di Vittorio, con addebito della spesa al proprietario della costruzione.

«Per lunghi anni – sottolinea l’assessore alla polizia locale Valter Cozzi –  l’abusivismo edilizio ha imperversato senza alcun controllo. Il risultato è quello di vedere sul territorio manufatti, garage o recinzioni costruite selvaggiamente su aree pubbliche senza alcuna autorizzazione. Nei mesi scorsi dopo una serie di incontri tra il sindaco Maragno, carabinieri e Prefettura, abbiamo intrapreso questo percorso di ripristino della legalità anche in questo ambito. Gli uffici di polizia municipale hanno quindi provveduto a notificare diverse ordinanze di demolizione, emesse dall’Ufficio Urbanistico, sezione abusivismo edilizio. In moltissimi casi lo smantellamento delle strutture è stato effettuato direttamente dai proprietari. Nel caso del magazzino di via Di Vittorio, il responsabile ha provveduto a rimuovere la casetta di legno, lasciando invece la base di cemento che aveva realizzato e che questa mattina, secondo i tempi stabiliti nell’ordinanza, è stata smantellata dalla polizia locale. Proseguiremo –  conclude Cozzi – nel controllo sia di nuovi abusivismi che nell’accertamento dell’ottemperanza delle ordinanze già emesse».

Guarda anche

Montesilvano simboli nazisti anche sulla sede del PD cittadino. Intervista al Segretario cittadino Cantagallo

Montesilvano - Era il 30 dicembre quando in pieno centro ignoti imbrattavano con vernice rossa spray il monumento ai caduti tracciando stemmi anarchici e scritte. La mattina di sabato 5 gennaio invece veniva reso noto come sulle pareti esterne della sede della Cgil di Montesilvano fossero comparsi dei simboli nazisti tracciati con una bomboletta spray nella notte, segni che questa mattina abbiamo constatato già rimossi. All’indomani di quanto accaduto alla sede del sindacato, venivamo a conoscenza di come anche la sede del PD locale, distante un isolato dalla Cgil, fosse stata imbrattata con messaggi simili e che a Pescara probabilmente nella stessa notte del blitz di Montesilvano, la sede dello spazio giovanile SPAZ veniva colpita da ignoti che avevano preso a sassate le finestre, rompendo i vetri e lasciando delle scritte. Questa mattina abbiamo intervistato  il segretario Cittadino del PD cittadino Enzo Cantagallo per capire meglio cosa sta accadendo in città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 1 =