mercoledì , 8 luglio 2020
Home » Focus » Ambiente » WWF: questo fine settimana giornata mondiale delle zone umide

WWF: questo fine settimana giornata mondiale delle zone umide

Torna in questo fine settimana la giornata mondiale delle zone umide, evento internazionale che si celebra annualmente il 2 febbraio in occasione dell’anniversario dell’adozione della Convenzione sulle zone umide di importanza internazionale, firmata a Ramsar, in Iran, il 2 febbraio 1971. Il World Wetlands Day (questa la denominazione ufficiale in inglese) è stato istituito nel 1997 per aumentare la consapevolezza sul valore delle zone umide per l’umanità e per il pianeta. Ogni anno viene scelto un tema su cui focalizzare le celebrazioni. Quest’anno l’attenzione è stata posta sul clima. Le zone umide sono infatti tra i primi ambienti a subire le conseguenze dell’effetto serra. La frase che accompagna l’edizione 2019 è: “we are not powerless againist climate change” che, in una traduzione non letterale, significa che non possiamo e non dobbiamo restare fermi a guardare ma darci da fare perché ciascuno nel proprio piccolo può agire per contribuire a migliorare la situazione del mondo.

Il WWF celebra la giornata mondiale delle zone umide con varie iniziative in Italia. In Abruzzo sono due gli appuntamenti previsti.

Sabato 2 presso il centro visite dell’Oasi WWF Lago di Serranella (località Brecciaio, Sant’Eusanio del Sangro), appuntamento alle 10 per la presentazione del quaderno sull’avifauna dell’Oasi, “un piccolo passo per continuare a conoscere la biodiversità della riserva, un nuovo strumento per interpretarla e difenderla”. Seguirà alla 11 una visita guidata alla scoperta del lago. All’incontro interverranno il delegato regionale del WWF Luciano Di Tizio, il coordinatore dell’Istituto Abruzzese Aree Protette Andrea Natale e il responsabile monitoraggio e vigilanza Lago di Serranella Sante Cericola.

Domenica 3 si andrà invece “Alla scoperta della biodiversità negli ecosistemi umidi” nella zona di Pineto per una iniziativa a cura della associazione Paliurus con il patrocinio dall’Area Marina Protetta “Torre del Cerrano”, del Comune di Pineto e del WWF Teramo. In programma una passeggiata tra la duna e la pineta alla riscoperta dei piccoli corsi d’acqua. In conclusione sarà proiettato un breve cortometraggio sul rospo smeraldino, uno dei principali protagonisti di questi ambienti umidi. La partenza dell’escursione è prevista alle ore 15 davanti alla stazione ferroviaria di Pineto, mentre alle 17 ci sarà la proiezione del cortometraggio nella splendida cornice di Villa Filiani.

 

Guarda anche

Parco Nazionale della Majella, presentato il nuovo sito istituzionale VIDEO

Pescara. All’Aurum di Pescara è stato presentato il nuovo sito istituzionale del Parco Nazionale della Majella …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due + 3 =