giovedì , 20 giugno 2019
Home » Polis » Economia » REDITO: FEBBO, DA CIPE 10 MLN PER IMPRESE DEL CRATERE

REDITO: FEBBO, DA CIPE 10 MLN PER IMPRESE DEL CRATERE

Pescara Via libera del Cipe al trasferimento alla Regione di 10 milioni euro per le misure di garanzia per l’accesso al credito di piccole imprese inserite nell’area del cratere. Lo rende noto l’assessore allo Sviluppo economico, Mauro Febbo, a chiusura della riunione del Cipe.

“L’assegnazione di 10 milioni di euro alla Regione – spiega l’assessore Febbo – di fatto apre le porte alle procedure operative che permetteranno alle aziende del cratere sismico di poter contare sul sistema dei Confidi per avere le garanzie necessarie per accedere al credito. Si tratta, nella sostanza, di misure che permettono al piccolo imprenditore di programmare azioni di rilancio della propria azienda con piccoli investimenti in grado di far fronte alle difficoltà di mercato generate anche dagli eventi sismici”. È il caso di ricordare che la Regione Abruzzo ha individuato la Fira, la finanziaria regionale diventata organo in house, quale ente gestore della partita sulle garanzie alle imprese del cratere. “Nei prossimi giorni – ha annunciato Febbo – incontrerò il presidente di Fira per verificare i margini operativi e mettere in campo la strategia per rendere fruibili i 10 milioni”.

Guarda anche

Teramo il sindaco D’Alberto su traforo del Gran Sasso “atto di gravissima deresponsabilizzazione”

Teramo - “Adesso basta. Il comunicato con cui la società Strada dei Parchi rende noto di non aver ancora revocato la decisione della chiusura del Traforo sull'A24, che implicitamente resta confermata, è un atto che chiama tutta la comunità a una risposta ferma e decisa. I nostri territori non meritano e non possono tollerare ulteriori inaccettabili affronti.  assolutamente il caso che Strada dei Parchi senta con forza la disapprovazione dell'intera comunità territoriale: dalle istituzioni ai semplici cittadini” la dura presa di posizione arriva dal Primo cittadino di Teramo Gianguido D’Alberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti + quattro =