domenica , 21 luglio 2019
Home » Polis » Politica » Pianella, lavori alla scuola materna: Filippone “il sindaco non risponde alle domande”

Pianella, lavori alla scuola materna: Filippone “il sindaco non risponde alle domande”

Pianella – «Il Sindaco Marinelli non risponde alle domande poste dal sottoscritto sui lavori fermi della Scuola Materna del capoluogo e continua a nascondere la situazione reale dei fatti, denigrando come al solito il ruolo dei consiglieri di minoranza. Il Sindaco, nel comunicato stampa del 14 aprile 2019, ha affermato che lui ha relazionato in merito al fermo dei lavori della Scuola Materna nel Consiglio Comunale del 6 marzo 2019, invece se si legge la trascrizione della seduta non risulta che il Sindaco Marinelli abbia relazionato in merito.  Quindi la sua affermazione è falsa» sono queste le accuse al sindaco di Pianella del consigliere di minoranza Gianni Filippone affidate a una nota stampa.

Filippone rimarca come il Sindaco, nel comunicato stampa,  «si vantava di aver agito con “tempestività”» riguardo al fermo dei lavori della Scuola Materna, «invece –commenta–  i fatti dimostrano il contrario, in quanto i lavori erano fermi dal mese di novembre 2018», ricordando come questo sia stato certificato dal direttore dei lavori nella relazione del 23-1-2019, e il R.U.P. , avesse emesso la Determina N° 118 in data 26-02-2019 decidendo la risoluzione del contratto con la ditta appaltatrice per “grave inadempimento contrattuale”, «quindi ha deciso dopo quattro mesi».

«Dove è la tempestività?  –chiede il consigliere di opposizione– Il Sindaco e la Giunta quale decisione hanno assunto nel frattempo?

Il Sindaco, nel comunicato stampa sosteneva testualmente che …“rimangono solo poche opere per il completamento”…, invece nella relazione del direttore dei lavori si evidenzia un lungo elenco di lavori da completare e non eseguiti dalla ditta “Di Carmine costruzioni Srl” » Filippone a tal proposito snocciola l’elenco:

  Montaggio degli infissi esterni al piano terra e piano primo in corrispondenza del blocco refettorio;

  Montaggio delle porte tagliafuoco al piano primo per compartimentare il vano scala;

  Completare il montaggio delle contropareti in cartongesso sulle pareti interessate dagli interventi CAM;

– Finitura dei suddetti locali con le finiture del caso (battiscopa, tinteggiature pareti e soffitti, eventuali   porzioni da intonacare);

  Montaggio dei pezzi sanitari nei servizi del blocco refettorio/cucina;

  Installazione dei segnalatori antincendio;

  Terminare la messa in opera dell’impianto elettrico oggetto di modifiche;

  Installazione dei serbatoi di acqua a servizio della cucina;

  Installazione delle travi rompitratta all’intradosso del solaio del refettorio;

  Piccole opere di finitura propedeutiche alla consegna del cantiere;

«Alla luce del suddetto elenco –continua– si deve pensare che il Sindaco o non ha letto la determina, oppure vuole nascondere la verità. Quindi la sua affermazione in merito alle poche opere da ultimare non corrisponde alla situazione reale di fatto. E’ stato quantificato il costo dei suddetti lavori da completare?

Il Sindaco, nel comunicato stampa, afferma testualmente che…“i lavori residui interessano l’attigua area mensa”… Se i locali mensa non sono ancora pronti allora si pongono alcune domande:

E’ stato fatto un sopralluogo per accertare in quali locali consumano il pasto i bambini?

I locali dove mangiano i bambini sono idonei ad uso mensa ed hanno tutti i requisiti igienici di legge?

Il Sindaco, sempre nel comunicato stampa, afferma che il lato dell’edificio dove  si ospitano attualmente i bambini..“è messo finalmente in sicurezza sismica,chi ha emesso il certificato antisismico di conformità?

Ha accertato se i locali hanno la certificazione dell’antincendio? Ci sono le uscite di sicurezza e tutti gli altri elementi relativi alla sicurezza antincendio?»

«Il Sindaco, nel comunicato stampa mi accusa che io sarei l’erede politico di D’ambrosio» scrive ancora Filippone che ricorda come uscì dalla maggioranza del Sindaco D’Ambrosio nel gennaio 2008 e nelle elezioni comunali del maggio 2008. Con Marinelli che allora era candidato Sindaco della lista “RINASCE PIANELLA” i due furono eletti come consiglieri comunali all’opposizione per cinque anni  di amministrazione D’Ambrosio.

Toccato nel vivo Filippone punta il dito contro il Sindaco Marinelli, «…Marinelli iniziò la sua carriera politica con idee di sinistra nel PDS, poi nel 2008 candidandosi con la lista civica “RINASCE PIANELLA”, sosteneva pubblicamente che era un liberale senza partito, dopo alcuni mesi dall’elezione a consigliere comunale diede vita al gruppo consigliare PDL-UDC con Antonio Berardinucci e Romeo Aramini, dopo qualche anno aderì a FORZA ITALIA con incarichi di partito a livello Provinciale, sostenendo il consigliere regionale Lorenzo Sospiri dal 2014 fino al 2018.
Prima delle elezioni regionali del 2019 è passato alla LEGA di Salvini, questa è la verità inconfutabile».

«In politica –commenta–  questi percorsi personali così tortuosi vengono definiti trasformisti e opportunisti».

Rispondendo alle accuse di aver lasciato contenziosi e debiti al Comune di Pianella, Filippone poi spiega. «Devo precisare che sono estraneo alle sue insinuazioni non documentate, al riguardo è opportuno far conoscere ai cittadini pianellesi l’elenco dei decreti ingiuntivi, sentenze, transazioni e contenziosi che si sono determinati durante la gestione di Marinelli, dove sono evidenti le somme liquidate o da liquidare, dopo le sentenze dei Tribunali, alle ditte fornitrici non pagate, poi ratificati dal Consiglio comunale come debiti fuori bilancio, ecco l’elenco dal 2014 al 2018 :

Atto D.G.C. N° 107 06-10-2014   – Transazione giudizio ditta MD- ECOGEN srl – €.          4.549,56

Atto D.G.C. N° 151 30-12-2014   – Transazione ditta TINN srl – Assistenza Software – €.          2.603,96

Atto D.G.C. N° 108 18-10-2016   – Ricorso TAR ditta SATO srl (Global Service) – €.   1.278.000,00

Atto Determ. N°   03 10-02-2017    – Liquid. Avv. Passeri L. per citazione Soc. FLAIR srl – €.          5.138,64

Atto D.G.C. N° 178 29-12-2017    – Trans. ditta Di Bernardo G. – Palazzo Municipio – €.      905.423,91

Atto Determ. N°   64 03-10-2017   – Liquid. Dott. Cosentino Luca consul. Derivati Swap – €.          4.633,80

Atto D.C.C. N°   30 11-07-2018    – Sentenza Cassazione ditta EDILPINI srl           – €.          4.633,80

Atto D.C.C. N°   33 11-07-2018    – Decreto ingiuntivo Studio Ing. Montepara srl – €.          5.066,02

Atto Determ. N° 581 20-07-2018  – Liquid. sentenza Giudice Pace ditta I.G.E.+ Avv. – €.          2.586,67

Atto D.G.C. N° 100 01-08-2018   – Decreto ingiunt. Tribunale Chieti ditta REFRAIN srl – €.        14.744,39

Atto Determ. N° 596 01-08-2018  – Liquidazione debito fuori bilancio ditta ULTIMA srl – €.          6.037,80

Atto D.G.C. N° 110 31-08-2018   – Decreto Ingiunt. Giudice di Pace, ditta VE.MA.PLA. – €.             829,60

Atto Determ. N° 703 11-09-2018  – Liquidazione debito fuori bilancio ditta Mammarella€.          5.741,77

      Totale complessivo ……….…€ 2.239.989,92»

«Per ragioni di spazio e di Privacy –conclude il consigliere Filippone–  non riportiamo il lungo elenco dei numerosi contenziosi promossi da soggetti privati contro il Comune di Pianella per tutelare i loro diritti, e le condanne dei Giudici di Pace. Lascio a voi cittadini il giudizio sul modo di amministrare il nostro Comune del Sindaco Marinelli e dei consiglieri opportunisti che da sedici anni sono seduti nelle stanze del potere locale, per il bene del popolo?»

Guarda anche

Di Primio ritira le dimissioni “prima di me esiste il bene di Chieti”

“Il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, ha ritirato le dimissioni presentate lo scorso 17 giugno”. Lo ha annunciato questa mattina, nel corso di una conferenza stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − due =