domenica , 17 novembre 2019
Home » Polis » Aziende » Decreto Crescita,  imprese e politica d’accordo: va cambiato

Decreto Crescita,  imprese e politica d’accordo: va cambiato

Confronto a Pescara sui temi del credito: mantenere la norma che consente alle Regioni di intervenire

PESCARA – Un fronte comune di imprese e politica per modificare il “Decreto Crescita” nella parte che impedisce alle Regioni di poter intervenire autonomamente sul Fondo di Garanzia per le micro e piccole imprese sostenendo l’attività dei Confidi. E’ l’impegno scaturito questa mattina a Pescara al termine dell’incontro organizzato nella sala Tinozzi della Provincia di Pescara da un folto gruppo di associazioni che rappresentano il mondo dell’artigianato, del commercio, della micro e piccola impresa (CASARTIGIANI, CLAAI, CNA, CONFAPI, CONFARTIGIANATO, CONFCOMMERCIO e CONFESERCENTI) con un gruppo di parlamentari abruzzesi, in rappresentanza dei diversi schieramenti tanto di maggioranza che di opposizione: Nazario Pagano e Antonio Martino di Forza Italia, Luciano D’Alfonso del Pd e Valentina Corneli del Movimento 5 Stelle. All’iniziativa era presente anche il presidente della Provincia di Pescara, Antonio Zaffiri.

Ai rappresentanti istituzionali, nei loro interventi pronunciati a nome del folto schieramento imprenditoriale che è sceso in campo, Graziano Di Costanzo e Massimiliano Mari Fiamma hanno rappresentato i termini della questione: in sostanza, se il testo non subirà variazioni, ci troveremo di fronte a un «grosso favore alle banche, ma ad un grosso svantaggio reso all’economia».

Ma qual è il nodo del contendere? Eliminando nel testo del Decreto la possibilità di intervento nel sistema delle garanzie da parte delle Regioni, si è di fatto avviato un meccanismo che comporterà una ulteriore restrizione dei finanziamenti concessi alle imprese, ed in particolar modo a quelle di più ridotte dimensioni. Un trend, hanno ricordato le imprese, fotografando l’andamento dei finanziamenti tra 2011 e 2019, che ormai si propone come tendenza di medio-lungo periodo: mentre in Italia il mondo dell’impresa ha conosciuto una contrazione dei finanziamenti di oltre 237 miliardi (da 994,7 a 756,9), con una caduta del 23,9%, in Abruzzo la percentuale è salita fino a quota 26,2%: da 16,3 miliardi a poco più di 12 miliardi erogati.

In sostanza – dicono le associazioni d’impresa – impedendo alle Regioni di poter intervenire con un ruolo attivo sul sistema delle garanzie, e sminuendo così il ruolo dei confidi, finirà per essere avviato un meccanismo di ulteriore caduta nella concessione del credito: ragion per cui va al più presto reintrodotta quella lettera “r” del Decreto Bassanini  del 1998, cassata dal Decreto Crescita, che consente alle Regioni di esercitare un ruolo attivo e da protagonista in materia di garanzie per il finanziamento alle imprese da parte delle banche.

Guarda anche

Emergenza sicurezza, Salce: subito un comitato per l’ordine pubblico

Pescara - «Le ultime e reiterate azioni criminali a danno di attività economiche della città, unita al quadro tutt’altro che confortante delineato su Pescara dall’indagine del Sole 24 Ore sui reati sollecita una riflessione che vada al di là della contingenza e delle facili polemiche politiche che ne sono talvolta il corredo: per questo, chiediamo che al più presto al Prefetto che sia convocato un Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, aperto anche alle associazioni d’impresa». A chiederlo è il direttore della CNA provinciale, Carmine Salce,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 + sedici =