lunedì , 26 Ottobre 2020

Pescara, argine fluviale: Giampietro e Catalano (PD) “degrado e erbacce “

“Lo stato di degrado che impera lungo il parco fluviale e la pista ciclabile che costeggia l’argine – continuato Catalano e Giampietro -, non è più sostenibile, specie se si considera che la fitta vegetazione non è stata curata neanche a ridosso delle abitazioni e adesso c’è il rischio che l’incuria si trasformi in emergenza sanitaria. È, per esempio, del tutto inutile il calendario di disinfestazione che il Comune ha appena annunciato, se lo stato dei luoghi si presenta come una foresta. Al netto del fatto che i ciclisti vorrebbero poter usufruire, specie durante questo periodo di sole e caldo, di quest’area ciclabile immersa nella natura, ma non possono dato che la striscia d’asfalto è stata quasi completamente invasa dalle erbacce.

Per questo, chiediamo al presidente della Provincia Antonio Zaffiri di intervenire quanto prima e di mettere in sicurezza, con urgenza, almeno la vegetazione a ridosso delle case, altrimenti saremo costretti a rivolgerci all’ufficio igiene.

Negli anni passati, l’amministrazione comunale di centrosinistra si è fatta carico di risolvere il problema, alla luce delle difficoltà di bilancio di Palazzo dei Marmi, aprendo una interlocuzione virtuosa con la Laad, che, grazie alla stretta collaborazione con il Comune,  si è occupata dello sfalcio dell’erba. Suggeriamo, quindi, al presidente Zaffiri, di muoversi tramite i canali che ritieni più opportuni, ma di farlo adesso, prima che la situazione non sia più gestibile”.

Guarda anche

Catalano: “Disordine, sporcizia e degrado al cimitero di Colle Madonna alla vigilia di Ognissanti, il Comune intervenga”

Pescara – “Passaggi sconnessi, erbacce, lavori abbandonati, croci a terra, sporcizia e Eldorado delle zanzare: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × uno =