domenica , 22 settembre 2019
Home » Polis » Economia » Bollo auto: Liris “agevolazioni per la rateizzazione”

Bollo auto: Liris “agevolazioni per la rateizzazione”

L’Aquila – Tutti i contribuenti abruzzesi potranno usufruire della rateizzazione della tassa automobilistica oggetto di recupero coattivo. La Giunta Regionale, su proposta dell’assessore Guido Quintino Liris, ha autorizzato la Soget ad applicare le regole contenute nell’art. 19 del Decreto del Presidente della Repubblica del 29/09/1973 n. 602 che prevede la possibilità di rateizzare le somme oggetto di recupero coattivo mediante ruolo fino ad un massimo di settantadue rate mensili.

Per ottenere tale rateizzazione il contribuente non è costretto a produrre specifica documentazione, né si richiedono formalità particolari. “In buona sostanza – ha commentato l’assessore Liris – tutti i contribuenti abruzzesi potranno adempiere le proprie obbligazioni tributarie accedendo al beneficio della rateizzazione, oltre a poterlo fare in maniera più semplice e veloce rispetto ad oggi.

Con questa nuova modalità di rateizzazione, in alternativa rispetto a quella concedibile sulla base del ‘Disciplinare per la rateizzazione dei crediti da recupero coattivo della tassa automobilistica regionale’, attualmente in essere, saranno agevolati notevolmente i contribuenti abruzzesi i quali potranno avere rate più lunghe, una rata minima più bassa e, soprattutto, nessun bisogno di dimostrare una condizione di disagio economico mediante la produzione del modello ISEE”.

Guarda anche

ATR Group Srl di Colonnella: Pepe chiede all’Assessorato al Lavoro della Regione Abruzzo la convocazione urgente di un tavolo sindacale 

“E’ necessario convocare, nel più breve tempo possibile, un tavolo sindacale presso l’Assessorato al Lavoro della Regione Abruzzo per parlare del futuro dell’ATR Group di Colonnella”. A richiederlo è il Consigliere e Vice Capogruppo Regionale del Pd, Dino Pepe, sulla scorta di quanto manifestato, a più riprese, dalle associazioni sindacali, dalla Rsu e dai lavoratori stessi, tutti preoccupati per le prospettive future, occupazionali e produttive dell’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − 2 =