domenica , 20 ottobre 2019
Home » Focus » Ambiente » Guardiagrele, il PD chiede per la città Dichiarazione dell’Emergenza Climatica ed Ambientale “dovere morale farlo”

Guardiagrele, il PD chiede per la città Dichiarazione dell’Emergenza Climatica ed Ambientale “dovere morale farlo”

Guardiagrele

Il gruppo consiliare del Partito Democratico a Guardiagrele, presenta una mozione contenente una proposta di delibera per chiedere la Dichiarazione dell’Emergenza Climatica ed Ambientale.

I due consiglieri comunali Inka ZULLI e Nevio SALOMONE affermano: “Zero cambiamenti non è più un’opzione possibile! L’obiettivo è quello di portare in Consiglio Comunale un impegno di tutti a limitare, e ove possibile ridurre, le emissioni climalteranti che stanno determinando danni irreparabili non solo economici, a persone, animali, interi territori e sistemi produttivi.”

Molti Enti Locali in Italia e in Europa, hanno già preso l’impegno formale di  raggiungere il 100% di energia pulita entro il 2050. Anche il Comune di Guardiagrele ha il dovere morale di farlo, perché proprio come molti comuni abruzzesi, vive in una situazione di elevato rischio ambientale e idrogeologico. Per questo è necessario mettere in atto tutte le azioni che vadano verso la giusta direzione a tutela della salute dei cittadini e del territorio.

Va utilizzato e promesso l’uso di energie rinnovabili, incentivando il risparmio energetico e l’uso di mobilità collettiva e sostenibile, applicando i principi dell’economia circolare e riducendo l’utilizzo di materiali e prodotti inquinanti o dannosi per tutte le matrici ambientali.

Inoltre la transizione ecologica offre vantaggi economici anche in termini di nuovi posti di lavoro, di risparmi e di opportunità di mercato senza menzionare gli impagabili benefici per il benessere diffuso dei cittadini.

Il 33% del territorio della regione Abruzzo è tutelato da parchi e riserve, la più alta percentuale d’Europa, ha una grande produzione agroalimentare ed è a vocazione turistica. E’ senza alcun dubbio questa la direzione che dobbiamo seguire, nel rispetto dell’ambiente e riducendo le emissioni dannose.

Siamo consapevoli che è necessario allargare l’orizzonte d’azione, perché la cura dell’ambiente e la solidarietà richiedono la capacità di guardare più lontano, ma è necessario partire subito, dichiarare lo stato di emergenza e coinvolgere attivamente i cittadini, i gruppi di interesse, le associazioni di categoria etc, in un processo di individuazione di criticità ambientali e nella loro soluzione e sensibilizzazione.”

Inoltre sarebbe interessante prevedere un meccanismo di valutazione ambientale ed energetica delle decisioni assunte dall’ente, anche attraverso una discussione nell’apposita commissione ed adeguare il prossimo bilancio comunale tenendo in adeguata considerazione le azioni da intraprendere per affrontare l’attuale emergenza climatica.

In questo modo uniremo la voce del Comune di Guardiagrele a i “gruppi di pressione” che lavorano già in questa direzione, affinché il Governo Nazionale   e quello Europeo sostengano lo sforzo degli Enti Locali e li assistano nella ricerca di fondi, perché il cambiamento climatico è oramai sotto gli occhi di tutti e noi siamo l’ultima generazione che può fare qualcosa e anche la prima ad esserne direttamente interessata.

I nostri figli meritano di avere un Paese vivibile ed è nostro preciso obbligo fare tutto

quanto possibile perché ciò accada.

Il nuovo Governo “giallorosso”, nel suo programma, “…ha intenzione di realizzare un Green New Deal, che comporti un radicale cambio di paradigma culturale e porti a inserire la protezione dell’ambiente e della biodiversità tra i principi fondamentali del nostro sistema costituzionale. Tutti i piani di investimento pubblico dovranno avere al centro la protezione dell’ambiente, il progressivo e sempre più diffuso ricorso alle fonti rinnovabili, la protezione della biodiversità e dei mari, il contrasto ai cambiamenti climatici.”

Infine, ci fa ben sperare anche il PD Abruzzo che lo scorso 21 luglio con un congresso unitario ha proclamato Segretario Regionale Michele FINA che è Direttore del think tank “TES – Transizione Ecologica Solidale”, ha fatto parte del Cda dell’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) ed ha collaborato come Capo segreteria dell’ex Ministro dell’Ambiente Andrea ORLANDO e, fin dal primo momento del suo insediamento, sta imprimendo

una forte svolta “green” al nostro partito.

Guarda anche

Raccolta Differenziata: a Chieti verifica con analisi a campione di un autocompattatore, molti errori da parte degli utenti

Chieti - Si è svolto questa mattina un ennesimo “blitz” voluto dal Comune di Chieti e dal Consorzio Formula Ambiente per analizzare il contenuto di un autocompattatore in servizio a Chieti Scalo. Si fanno sempre più serrati i controlli sul territorio al fine di analizzare il corretto conferimento della spazzatura da parte dei cittadini. Questa mattina, mercoledì 16 ottobre, i tecnici della ditta Eco-Servizi 2, incaricati dal Consorzio Formula Ambiente e dal Comune di Chieti, hanno analizzato a sorpresa il contenuto di un autocompattatore in servizio nella zona di Chieti Scalo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − 14 =