domenica , 20 ottobre 2019
Home » Focus » Cronaca » Nuova legge Ater: Pettinari (M5S) “Esiste già una legge, che ho emendato”
Domenico Pettinari

Nuova legge Ater: Pettinari (M5S) “Esiste già una legge, che ho emendato”

“INUTILE SE NON SI FANNO RISPETTARE QUELLE ESISTENTI”, E INVITA MARSILIO A VEDERE CON I SUOI OCCHI COSA ACCADE NEI QUARTIERI A RISCHIO

Pescara – “Non consentirò a nessuno di fare propaganda sulle case popolari. Se lo metta bene in testa Marsilio e tutta la Giunta di centro destra. In Regione abbiamo una legge, che ho emendato io stesso, che è efficace e stringente verso chi delinque all’interno delle case popolari. Il problema è che questa legge non viene applicata perché Regione Abruzzo non ha attivato nessun protocollo che metta gli organi preposti in condizione di poter agire.
Nelle case popolari non ci sono terroristi o manifestanti che bruciano le bandiere ma spacciatori, ladri e criminali violenti.
Venga con me Marsilio nelle periferie e si renderà conto che non servono nuove leggi ma solo l’applicazione di quelle esistenti”.
Il lapidario commento arriva dal Vice Presidente del Consiglio regionale Domenico Pettinari alla vigilia della discussione della legge del centro destra sulle Ater che, tra le altre cose, prevede l’inserimento dei reati di terrorismo e vilipendio alla bandiera tra quelli punibili con lo sfratto per gli assegnatari.
“Marsilio presenterà una legge inefficace per gli sfratti forse con il solo obiettivo di fare propaganda. La legge già c’è ed è la 96/96 che prevede, per chi usa l’abitazione popolare per commettere atti illeciti, l’immediato sfratto e l’impossibilità di vederla riassegnata. Nella scorsa legislatura ho lavorato affinché oltre all’abitazione venisse ampliata l’area anche agli androni e ai locali attigui, cercando di colpire tutti quegli spacciatori che si posizionano sotto ai portoni e che nascondono la droga, per esempio, nei locali caldaia dello stabile.
La legge quindi è completa e se il presidente Marsilio vuole aggiungere a reati già inseriti quello di terrorismo e vilipendio alla bandiera lo faccia, ma per farlo non serve un’altra legge.
Quello di cui si sente l’urgenza, piuttosto, è un protocollo che metta in comunicazione le forze di polizia e magistratura con Ater e sindaci, affinché questi ultimi vengano a conoscenza dei nominativi dei condannati che vivono in una casa popolare, e successivamente attivare l’ingiunzione di sfratto applicando la 96/96. Inutile quindi la legge sulle case popolari se non viene applicato un provvedimento che obblighi la magistratura a comunicare le condanne degli assegnatari ai sindaci.
Dopo 6 mesi di governo è inammissibile che un simile protocollo non sia stato attivato – incalza Pettinari – Come è inammissibile che non ci sia un completo censimento dei condannati tra gli assegnatari e che non venga dato il sostegno economico necessario alle Ater per attuare controlli serrati. La mancanza di fondi non permette neanche il censimento reale degli occupanti abusivi, che per il 70% sono quelli che commettono atti criminosi.
Marsilio aveva promesso che queste persone sarebbero state cacciate, ma per ora non si è visto nulla se non qualche sfratto ai danni di poveri pensionati ultra 70enni che per povertà non hanno potuto mettersi in regola con gli affitti.
E’ questo il concetto di sicurezza di Marsilio? Fare il potente con i deboli e il debole con i potenti? Io nel dubbio lo invito a venire con me nelle case popolari a vedere cosa realmente accade in quartieri come Rancitelli, Fontanelle, Via Rigopiano, Borgo marino sud e San Donato. Si accorgerà che di bandiere lì non c’è nemmeno l’ombra e che i problemi reali sono altri!”.

Guarda anche

A Carsoli aggredita una troupe RAI

Carsoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 5 =